Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

News


INFORMATIVA AI SENSI DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI


(Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003)

Il Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 ha la finalita' di garantire che il trattamento dei Tuoi dati personali si svolga nel rispetto dei diritti, delle liberta' fondamentali e della dignita' delle persone, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identita' personale.

Ti informiamo, ai sensi dell'art. 13 del Codice, che i dati personali da Te forniti ovvero altrimenti acquisiti nell'ambito dell'attivita' da noi svolta, potranno formare oggetto di trattamento, per le finalita' connesse all'esercizio della nostra attivita'. Per trattamento di dati personali si intende la loro raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, diffusione, cancellazione, distribuzione, interconnessione e quant'altro sia utile per l'esecuzione del Servizio, compresa la combinazione di due o piu' di tali operazioni.

Il trattamento dei Tuoi dati per le finalita' sopraindicate avra' luogo prevalentemente con modalita' automatizzate ed informatiche, sempre nel rispetto delle regole di riservatezza e di sicurezza previste dalla legge, e con procedure idonee alla tutela delle stesse. Il titolare del trattamento dei dati personali e' Dario Meoli; responsabili del trattamento sono i dipendenti e/o professionisti incaricati da Meoli, i quali svolgono le suddette attivita' sotto la sua diretta supervisione e responsabilita'.

Il conferimento dei dati personali da parte Tua e' assolutamente facoltativo; tuttavia l'eventuale rifiuto ad inserirli nella pagina dedicata alla registrazione rende impossibile l'esercizio della nostra attivita'. I dati, o alcuni di essi, per i fini di cui dianzi, potranno essere comunicati a:
- soggetti esterni che svolgano funzioni connesse e strumentali all'operativita' del Servizio, come, a puro titolo esemplificativo, la gestione del sistema informatico, l'assistenza e consulenza in materia contabile, amministrativa, legale, tributaria e finanziaria;
- soggetti cui la facolta' di accedere ai dati sia riconosciuta da disposizioni di legge o da ordini delle autorita'. Zeus News potra' inoltre, se autorizzata, comunicare i dati ad aziende che ne facciano richiesta per scopi pubblicitari e di marketing.

Ti informiamo, inoltre, che potrai consultare, modificare, opporti o far cancellare i tuoi dati o comunque esercitare tutti i diritti che ti sono riconosciuti ai sensi dell'art. 7 del Codice, inviando una lettera raccomandata a Zeus News - via Columella 16 - 20128 Milano. Se vuoi consultare il testo completo del Codice in materia di protezione dei dati personali, visita il sito ufficiale dell'Autorita' Garante.

Il nostro sito web si avvale di prestatori di servizi di pubblicita' (quali Adlink) al fine di diffondere la pubblicita' che vedete sulle pagine del Sito Web. Tale operatore si avvale di cookies al fine di inviare pubblicita' mirata ai Vostri interessi. Al fine di meglio comprendere l'uso di tali cookies, le modalita' di raccolta delle informazioni e le procedure per inibire la raccolta e utilizzo di tali informazioni fai clic qui.

Dario Meoli partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.

Per pubblicare alcuni degli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (dati che NON includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.

Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (317 voti)
Leggi i commenti (4)
Ottobre 2014
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
Tutti gli Arretrati
web metrics