Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (808 voti)
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Tutti gli Arretrati

Axum, le applicazioni parallele secondo Microsoft

Nasce un nuovo linguaggio che deriva da C# e sfrutta la piattaforma .Net ma è pensato per la realizzazione di programmi che sfruttano i processori multicore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-05-2009]

Microsoft Axum applicazioni parallele C# .Net

Microsoft non significa soltanto Windows 7: a Redmond sono anche in grado di creare linguaggi di programmazione, e l'ultima loro fatica si chiama Axum.

Ancora in versione beta (pertanto è indicato soltanto per chi vuole sperimentarne le caratteristiche) si basa sulla piattaforma .Net e sul linguaggio C# ma ha uno scopo preciso: è stato creato per facilitare la creazione di applicazioni parallele, programmi in grado di sfruttare i processori multicore.

Il sito di Axum contiene alcune informazioni importanti: oltre a mettere a disposizione la guida ufficiale e il file da scaricare per poter abilitare Visual Studio alla creazione di un progetto Axum, gli sviluppatori mettono in guardia sullo stato embrionale del progetto.

Microsoft stessa non sa neppure se Axum diventerà un prodotto completo e supportato; le strutture stesse del linguaggio potrebbero cambiare in qualsiasi momento.

Ciononostante - o forse proprio per questo - l'azienda chiede la collaborazione degli utenti per avere un parere e migliorare il linguaggio.

Axum richiede Microsoft Visual Studio 2008 e supporta tutte le versioni di Windows a partire da Windows 2000.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)


freemind
Al di là del problema se hanno copiato o no, da parte di ms è il primo linguaggio fortemente orientato ai thread e ai multicore quindi comunque è una novità per gli sviluppatori .net. Ci sono altri linguaggi che vengono usati in questi ambiti e Axum semplicemente è un altro. Leggi tutto
18-5-2009 13:36


pierpa
da chi avranno copiato stavolta? Leggi tutto
18-5-2009 10:31


mdweb
About Axum (continua) Nel link troverete ulteriori informazioni Leggi tutto
15-5-2009 20:04


freemind
Io ho abbandonato da un po' le tecnologie microsoft però per quanto riguarda lo sviluppo non sono male. Se riescono a sfruttare bene il multicore e la programmazione parallela ben venga!
15-5-2009 13:44


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics