Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (3589 voti)
Ottobre 2014
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
Tutti gli Arretrati

Axum, le applicazioni parallele secondo Microsoft

Nasce un nuovo linguaggio che deriva da C# e sfrutta la piattaforma .Net ma è pensato per la realizzazione di programmi che sfruttano i processori multicore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-05-2009]

Microsoft Axum applicazioni parallele C# .Net

Microsoft non significa soltanto Windows 7: a Redmond sono anche in grado di creare linguaggi di programmazione, e l'ultima loro fatica si chiama Axum.

Ancora in versione beta (pertanto è indicato soltanto per chi vuole sperimentarne le caratteristiche) si basa sulla piattaforma .Net e sul linguaggio C# ma ha uno scopo preciso: è stato creato per facilitare la creazione di applicazioni parallele, programmi in grado di sfruttare i processori multicore.

Il sito di Axum contiene alcune informazioni importanti: oltre a mettere a disposizione la guida ufficiale e il file da scaricare per poter abilitare Visual Studio alla creazione di un progetto Axum, gli sviluppatori mettono in guardia sullo stato embrionale del progetto.

Microsoft stessa non sa neppure se Axum diventerà un prodotto completo e supportato; le strutture stesse del linguaggio potrebbero cambiare in qualsiasi momento.

Ciononostante - o forse proprio per questo - l'azienda chiede la collaborazione degli utenti per avere un parere e migliorare il linguaggio.

Axum richiede Microsoft Visual Studio 2008 e supporta tutte le versioni di Windows a partire da Windows 2000.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)


freemind
Al di l del problema se hanno copiato o no, da parte di ms il primo linguaggio fortemente orientato ai thread e ai multicore quindi comunque una novit per gli sviluppatori .net. Ci sono altri linguaggi che vengono usati in questi ambiti e Axum semplicemente un altro. Leggi tutto
18-5-2009 13:36


pierpa
da chi avranno copiato stavolta? Leggi tutto
18-5-2009 10:31


mdweb
About Axum (continua) Nel link troverete ulteriori informazioni Leggi tutto
15-5-2009 20:04


freemind
Io ho abbandonato da un po' le tecnologie microsoft per per quanto riguarda lo sviluppo non sono male. Se riescono a sfruttare bene il multicore e la programmazione parallela ben venga!
15-5-2009 13:44

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics