Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (799 voti)
Dicembre 2014
In prova: WinnerGear Montar
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati

Axum, le applicazioni parallele secondo Microsoft

Nasce un nuovo linguaggio che deriva da C# e sfrutta la piattaforma .Net ma è pensato per la realizzazione di programmi che sfruttano i processori multicore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-05-2009]

Microsoft Axum applicazioni parallele C# .Net

Microsoft non significa soltanto Windows 7: a Redmond sono anche in grado di creare linguaggi di programmazione, e l'ultima loro fatica si chiama Axum.

Ancora in versione beta (pertanto è indicato soltanto per chi vuole sperimentarne le caratteristiche) si basa sulla piattaforma .Net e sul linguaggio C# ma ha uno scopo preciso: è stato creato per facilitare la creazione di applicazioni parallele, programmi in grado di sfruttare i processori multicore.

Il sito di Axum contiene alcune informazioni importanti: oltre a mettere a disposizione la guida ufficiale e il file da scaricare per poter abilitare Visual Studio alla creazione di un progetto Axum, gli sviluppatori mettono in guardia sullo stato embrionale del progetto.

Microsoft stessa non sa neppure se Axum diventerà un prodotto completo e supportato; le strutture stesse del linguaggio potrebbero cambiare in qualsiasi momento.

Ciononostante - o forse proprio per questo - l'azienda chiede la collaborazione degli utenti per avere un parere e migliorare il linguaggio.

Axum richiede Microsoft Visual Studio 2008 e supporta tutte le versioni di Windows a partire da Windows 2000.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)


freemind
Al di là del problema se hanno copiato o no, da parte di ms è il primo linguaggio fortemente orientato ai thread e ai multicore quindi comunque è una novità per gli sviluppatori .net. Ci sono altri linguaggi che vengono usati in questi ambiti e Axum semplicemente è un altro. Leggi tutto
18-5-2009 13:36


pierpa
da chi avranno copiato stavolta? Leggi tutto
18-5-2009 10:31


mdweb
About Axum (continua) Nel link troverete ulteriori informazioni Leggi tutto
15-5-2009 20:04


freemind
Io ho abbandonato da un po' le tecnologie microsoft però per quanto riguarda lo sviluppo non sono male. Se riescono a sfruttare bene il multicore e la programmazione parallela ben venga!
15-5-2009 13:44

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics