Autovelox imperfetti? Arrangiatevi

Secondo la Cassazione, spetta al cittadino fornire la prova che l'apparecchiatura non è omologata o non è tarata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2009]

autovelox

La Corte regolatrice ha stabilito la legittimità dell'impiego nell'abitato di un apparecchio elettrico che consenta la rilevazione della velocità pur non rilasciando alcuna documentazione fotografica, anche in caso di non immediata contestazione.

Questo è il contenuto sostanziale di una sentenza che lascia perplessi per più di un motivo; innanzi tutto perché non sembra logicamente possibile correlare "a posteriori" l'eccesso di velocità con la mancata fotografia dell'automezzo o con la mancanza della contestazione immediata.

Senza entrare nel dettaglio giuridico, in effetti è possibile esprimere un "giudizio" sulla velocità da parte dell'organo accertatore dell'infrazione, ma sembrerebbe versarsi piuttosto nell'ipotesi della "velocità pericolosa" (articolo 141 del Codice della strada) piuttosto che nell'eccesso di velocità (articolo 142). Riconducendosi il tutto a una valutazione umana, il verbale dovrebbe giustificare il come e il perché di quale tra i due comportamenti sanzionabili sarebbe incorso l'incauto conducente.

Non solo manca la "prova" derivante dal "luogo" e dal "tempo" in relazione all'automezzo, ma soprattutto da parte dell'agente potrebbe essersi verificato un errore nella lettura della velocità rilevata o nella memorizzazione della targa del veicolo.

Al contrario, rovesciando i termini della questione e mescolando le carte, la Suprema Corte afferma l'apoditticità del contenuto del verbale, che "fa prova fino a querela di falso" secondo la miglior tradizione di asservimento alla volontà del potere costituito, senza che al giudice sia consentito di indagarne il merito senza prima aver ricevuto una specifica denunzia illegittimità per "falsità in atti".

La sentenza impone al cittadino di fornire quella famosa "prova diabolica" che non sarà mai in grado di fornire, anche perché l'infrazione potrebbe essere notificata in tempi assai successivi al fatto oggetto della contestazione e l'apparecchiatura nel frattempo venire rimossa, nuovamente tarata e via discorrendo.

Per tacere dell'impossibilità di appropriarsi tempestivamente e legittimamente dell'autovelox per far eseguire la necessaria perizia tecnica su cui basare la richiesta denunzia di falso; che poi falso non sarebbe, se venisse dimostrato il difetto di omologazione o di funzionamento, potendosi casomai individuare altre ipotesi delittuose nei comportamenti tenuti da parte della pubblica amministrazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

Già previsto; basta mettere la targa anche alle bici :idea: :D Leggi tutto
10-6-2009 20:15

Molto poco; il tempo di arrestare uno e farlo condannare a 15 giorni di carcere come in qualche stato dell'estremo oriente. Con l'obbligo di lavorare a rimuovere chewingum, certaccia e zozzerie varie per guadagnarsi sbobba a pranzo e cena. Leggi tutto
10-6-2009 20:12

Uh, quella dei giudici giustizialisti è la moda del momento. Passerà così come è passato tutto, dall'Impero Romano allo strapotere della Chiesa, dall'inquisizione alla dittatura del ventennio, dal terrorismo rosso all'ultimo eccetera... Sembra che in Italia il pericolo siano i giudici e non i criminali. Oggi le cose vanno così. Poi... Leggi tutto
10-6-2009 18:25

Non diamo la colpa al Giudice dato che in Italia NON sono loro ad fare le leggi anzi in l'Italia (e pochi altri Paesi, di solito guardacaso Dittatoriali) sono costretti ad obbedire alle leggi SENZA possibilità di decisione alcuna salvo la severità di una pena decisa dalla legge stessa. Hanno le mani e piedi legati ! Se poi qualche... Leggi tutto
10-6-2009 18:13

{Massimo}
L'unica arma che abbiamo è NON METTERE PIU' CARBONE NEL BRACIERE. Ormai il povero automobilista è diventato una delle poche fonti certe per fare cassa. Usiamo di più bicicletta, mezzi pubblici e treno. Io non voglio finanziare più lo stato con tassa di proprietà, accise sul carburante, pedaggi autostradadli,multe inesistenti. Google... Leggi tutto
9-6-2009 19:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
''Chi sbarca in Italia va via per non morire, va via perché c'hanno una guerra, un maremoto... come fai a fermarli? Bisogna creare delle strutture intelligenti, inserirli piano piano a fare delle cose perché sono gente straordinaria. E' un processo di cui non se ne può fare a meno. Arrivano, arrivano a riprendersi un pochino di quello che gli abbiamo tolto in 200 anni''. Chi è?
(Vedi poi la soluzione)
Uno che non considera prioritario lo Ius Soli per dare diritti di cittadinanza ai figli della "gente straordinaria" che arriva in Italia.
Uno che non vuole abolire il reato di clandestinità per non portare il suo partito a percentuali da prefisso telefonico.
Uno che ordina ai suoi parlamentari un voto contrario alla legge che ha abolito in Italia il reato penale di clandestinità.
Uno che ha messo come requisito indispensabile per l'appartenenza al suo partito politico la cittadinanza italiana.
Uno che da normale cittadino diceva pacatamente cose di buon senso ma una volta entrato nei meccanismi del potere è costretto a dire e fare minchiate per tenere insieme milioni di ignoranti e razzisti che toglierebbero il voto a proposte pacate e di buon senso.
Tutti quelli nominati finora.

Mostra i risultati (742 voti)
Giugno 2017
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Tutti gli Arretrati


web metrics