Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono traferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (975 voti)
Aprile 2015
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
La falla in iOS che rende inutilizzabili iPhone e iPad
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Tutti gli Arretrati

Google si dà alla programmazione e crea Go

Go è un linguaggio di programmazione creato per unire velocità di compilazione e semplicità nella scrittura del codice.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-11-2009]

Google Go linguaggio programmazione

Se gli strumenti già esistenti non ti soddisfano, crea quello che ti serve: seguendo questo principio dai laboratori di Google è nato Go, un linguaggio di programmazione che vuole unire velocità di compilazione e semplicità nello sviluppo.

Le menti dietro a Go - che gli hanno dedicato quel famoso 20% del tempo lavorativo disponibile per i progetti personali - sono Ken Thompson, Rob Pike e Robert Griesemer, decisi a creare un linguaggio che facesse sintesi tra una compilazione efficiente, un'esecuzione altrettanto efficiente e la facilità nella programmazione.

Così è nato Go, che ancora si trova a livello di esperimento ma promette di crescere in fretta: per accelerarne lo sviluppo, Google ha deciso di rilasciarlo come open source, sotto una licenza di tipo Bsd.

I programmi scritti in Go avranno una velocità di esecuzione paragonabile a quella dei programmi scritti in C o C++, ma s'ispira alla rapidità di progettazione e scrittura del codice che linguaggi come Python consentono.

Sul sito dedicato si trovano tutte le informazioni finora disponibili oltre, naturalmente, alla possibilità di scaricare il materiale necessario per testare questa nuova idea uscita dal cilindro di Google.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)


freemind
Quoto tutto anche se a volte se si ha fretta un sistema senza tante balle viene in aiuto. Il problema alla fine è sempre uno: o hai tempo oppure no. Nel primo caso puoi fare tutto quello che vuoi, con i costi che vuoi e alla fine avrai un buon prodotto, nel secondo caso avrai sempre una ciofeca (o come codice o come prodotto finale). ... Leggi tutto
12-11-2009 18:16


zeross
Un buon programmatore e colui che è in grado di pianificare il suo elaborato in modo ordinato e razionale, tal si che possa poter eseguire la revisione del codice in maniera veloce ed efficiente. :read: Un buon programmatore viene avvantaggiato dalla presenza di un compilatore prestante ed un linguaggio agevole. :mrgreen: Però da soli... Leggi tutto
12-11-2009 15:13


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics