Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Secondo te qual Ť tra questi il miglior smartphone del momento? Risultati sondaggio predecente
Apple iPhone 5C
Apple iPhone 5S
BlackBerry Q10
Google Nexus 5
HTC One
HTC One Max
LG G Flex
LG G2
Motorola Moto X
Nokia Lumia 1020
Nokia Lumia 1520
Samsung Galaxy Note 3
Samsung Galaxy S4
Sony Xperia Z1S

Mostra i risultati (2564 voti)
Luglio 2014
Germania, equo compenso alle stelle
Attacchi DDoS in aumento, cosa fare per difendersi
Sat-Fi trasforma lo smartphone in satellitare
Ma chi sono i terroristi?
Il ginecologo che fotografava le donne nude
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
No-IP non funziona, la colpa è di Microsoft
Tutti gli Arretrati

Una curiosa analisi del messaggio delle Brigate Rosse

L'ipotesi che si tenta di insinuare è "il documento è stato redatto da un inglese, ergo da un americano, ergo dai servizi segreti USA, ergo il delitto Biagi è un complotto americano". Non volevo parlarne, ma dopo aver ricevuto la centododicesima copia di questa "notizia", mi sono reso conto che non potevo più starmene zitto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2002]

Sto parlando dell'analisi che circola in Rete, secondo la quale il comunicato delle Brigate Rosse dopo l'assassinio di Biagi conterrebbe chiare "prove" del fatto che è stato redatto da uno straniero, presumibilmente un inglese.

L'analisi completa è leggibile ad esempio presso Indymedia.

Ho tentato di discuterne in quella sede, ma mi si pianta il browser e quindi provo a farlo qui, così magari arriva a destinazione lo stesso.

Penso di poter aprir bocca in proposito non soltanto per la mia esperienza di "cacciatore di bufale" per la quale alcuni mi avranno sentito nominare (spero senza ingiurie di accompagnamento), ma soprattutto perché sono di professione traduttore madrelingua inglese e faccio questo mestiere da vent'anni. Di conseguenza, ho l'arrogante pretesa di avere qualche credenziale per parlare con cognizione di causa, perché sono ben avvezzo a riconoscere le lingue in cui un documento viene "pensato".

Riporto e commento le frasi salienti dell'"analisi":

VIENE DALL'AMERICA IL COMUNICATO BR?

[...]

1-Una parte consistente dello stesso sembra essere un'improbabile versione italiana di un testo redatto in lingua straniera. La sua trascuratezza linguistica è in contrasto con le altri parti del documento che appaiono invece redatte con una certa aderenza al linguaggio comunemente usato dalla sinistra estremista.

2- La lingua straniera originale dalla quale è stata fatta la traduzione è, probabilmente, l'Inglese.

Commento: l'ipotesi che il titolo tenta di insinuare è "il documento è stato redatto da un inglese, ergo da un americano, ergo dai servizi segreti USA, ergo il delitto Biagi è un complotto americano". Piccola obiezione a questa catena logica, peraltro tipica delle ipotesi di complotto dal "non siamo mai andati sulla Luna" e "gli americani hanno un alieno prigioniero nell'area 51" in giù: ammettiamo che il testo sia stato scritto da un inglese. Perché deve essere per forza un americano? Perché non un inglese, un sudafricano, uno scozzese, un indiano, o un giamaicano? Siamo seri e obiettivi. L'analisi dichiara che "Si tratta, naturalmente di ipotesi aperte al confronto di tutti e che non sottendono nessuna tesi precostituita", ma mi pare che invece la tesi precostituita ci sia, dato che nell'analisi non c'è nulla che indichi che l'inglese a cui si accenna è per forza inglese americano.

[...]
2.1. Il testo è composto da proposizioni lunghissime, con un uso palesemente erroneo della punteggiatura. Una delle cose più difficili da apprendere, per chi traduce, in entrambe le direzioni, tra Italiano e Inglese, sono proprio queste regole.

Commento: questo smentisce la teoria proposta. Le proposizioni lunghissime sono tipiche dell'italiano. Una delle prime cose che si insegna ai traduttori dall'italiano verso l'inglese è proprio "spezza, spezza, spezza" (le frasi). Se c'è un modo per riconoscere un italiano che scrive in inglese, è la lunghezza delle sue proposizioni. Per contro, nessun inglese, tranne forse Joyce, si sognerebbe di creare mostruosità linguistiche chilometriche come quelle presentate in questa analisi, e di cui offro qui un assaggino: "la funzione politico-operativa svolta da Massimo D'Antona sulle principali contraddizioni su cui l'avanzamento e capillarizzazione dell'assetto neo-corporativo va ad impattare, e cioè regole della contrattazione, della rappresentanza e dello sciopero, tutti piani inclinati su cui può scivolare la prevenzione del conflitto che a sua volta è linea di affrontamento dello scontro ai fini di garantire la governabilità; e perciò aspetti di riferimento per condurre l'opera di revisione legislativa".

[...]
1.9. "Un approfondimento che è il portato dell'internazionalizzazione" (pag. 6)

Commento: Si dovrebbe dire "la conseguenza". L'errore è ripetuto più volte e non è, quindi, casuale.

1.10. "che è il portato della dialettica politica tra una linea di continuità-critica-sviluppo del patrimonio comunista in specifico dell'esperienza prodotta dalle Br nel nostro paese e peculiarmente del ricentramento operato dalle B.R.-P.C.C. nella Ritirata Strategica, e il concetto percorso di riaggregazione delle avanguardie rivoluzionarie, in funzione della ricostruzione delle forze rivoluzionarie" (pag. 18)

[...]
2.11. "il portato". Il verbo "brought" in Inglese significa "portato" ma anche "conseguenza", "risultato".

Commento: Questo è semplicemente falso. Il verbo inglese (che è "to bring", di cui "brought" è il participio irregolare) non viene assolutamente usato come sostantivo.

La cosa più importante è che si argomenta più volte che questo uso di "il portato" sarebbe una prova del fatto che il testo è stato redatto da un non italiano. Se c'è invece una cosa che semmai conferma l'italianissima origine del testo, è proprio quell' "il portato" tanto criticato, che è un malvezzo diffusissimo e very, very Italian, come "viene a essere" e "quelle che sono", fra coloro che non capiscono una beata mazza di niente ma vogliono darsi delle arie di sapienza.

[...]
2.13. "concetto percorso" può venire da "conceived", che significa "concepito" o "stabilito". Probabilmente poi "concepito" si è "trasformato nella sua forma arcaica "concetto" che, tra l'altro, è un nome molto diffuso tra gli Italo-Americani , soprattutto nella forma femminile.

Questa osservazione è talmente sconnessa che fa ridere. L'agente segreto della CIA stava pensando a sua moglie Concetta mentre preparava il testo? Allora se leggo un articolo sul giornale in cui si parla di "neoassunti", devo pensare a un giornalista che ha numerose chiazze rotondeggianti sulla cute e ha una moglie di origini meridionali"? Se proprio vogliamo dare corda a questo 'ragionamentò, allora questo indizio "prova" che l'autore del volantino è un meridionale, poiché il nome "Concetta" è assai diffuso nel Sud. Notate ancora il ragionamento guidato: viene evidenziato che il nome è diffuso fra gli italoamericani, invece di indicare che è un nome in voga nel Sud.

Ci sono altre "prove" molto divertenti:

1.7. "sostanziando lo Stato imperialista" (pag. 5)

Il commento degli "analisti" è "non significa nulla". "non significa nulla", ergo è prova di origini straniere. Sarà, ma io non vedo il nesso logico. Allora i temi degli scolaretti, e i discorsi dei politici italiani (di destra e di sinistra), pieni di frasi che "non significano nulla", sono in realtà redatti subliminalmente dalla CIA? Oppure siamo tutti americani senza saperlo?

Un'ultima considerazione: ci sono invece tracce evidenti (se vogliamo usare il metro di questi 'analistì) del fatto che è chi ha scritto questa analisi ad essere un inglese, quindi un americano, quindi al soldo della CIA. Mi riferisco all'uso ricorrente della parola "Inglese", scritta con la I maiuscola. Orbene, sappiamo tutti che in italiano i nomi delle lingue si scrivono in minuscolo. Nessun italiano farebbe mai un errore di questo genere, non vi pare? E sapete invece in quale lingua i nomi delle lingue si scrivono con l'iniziale maiuscola? Indovinato: proprio l'inglese. Quindi chi ha scritto l'analisi non è un italiano ed è invece un inglese.

Come vedete, è facile usare i ragionamenti presentati nell'analisi per dimostrare tutto e il contrario di tutto.

Vi risparmio il resto delle "prove", che sono semplicemente, a mio modesto parere, strafalcioni di un italiano che non sa usare bene la propria lingua. Tutte le cosiddette "prove" fanno parte, per esempio, del normale lessico di italianissimi professori universitari che si sono risciacquati i panni in Hudson anziché in Arno a furia di leggere pubblicazioni in inglese.

Se vogliamo ipotizzare complotti USA, facciamolo, per carità, ma facciamolo su basi un po' più solide.

Scrivo questo articolo pur sapendo di attirarmi una montagna di flame, ma vi chiedo di dimostrare di amare davvero la democrazia rispettando la libertà d'opinione altrui.

E non perdete tempo a chiamarmi fascista perché smonto le tesi antiamericane. Sono ben al di sotto delle parti in queste diatribe da polli di Trilussa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (2)

Crotalo
La CIA ha traduttori migliori Leggi tutto
17-11-2003 11:57

pinko
Condivido Leggi tutto
10-5-2003 00:40

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics