Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (325 voti)
Settembre 2015
Politico svizzero bandito da Facebook
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Tutti gli Arretrati

In prova: Netgear Powerline AV Ethernet Adapter Kit XAVB101 (3)

IL TEST DI ZEUS - Il software in dotazione permette di cambiare la password e gestire le impostazioni Quality of Service.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2010]

L'uso del software fornito su Cd si rivela a questo punto del tutto opzionale; la sua utilità diventa evidente quando si desidera applicare un aggiornamento del firmware (l'ultimo migliora la gestione della modalità di risparmio energetico) o se si vogliono gestire aspetti particolari della configurazione.


Clicca per ingrandire

La schermata principale dell'Utilità di Configurazione mostra l'elenco degli adattatori presenti in rete, la velocità di trasmissione, i loro indirizzi Mac e la versione del firmware.

Netgear garantisce che attraverso la rete Powerline così creata è possibile trasmettere filmati in streaming: la colonna Qualità indica visivamente se questo è possibile (la velocità di connessione è superiore agli 80 Mbit/s e dunque il led centrale è verde).

Dall'utilità è possibile riportare gli adattatori alle impostazioni di fabbrica e cambiare la chiave crittografica della rete in maniera semplice a patto di inserire la password dei dispositivi su cui si agisce (si trova segnata su un adesivo posto su ogni adattatore).


Clicca per ingrandire

La scheda QoS (Quality of Service) consente poi di definire a quale tipo di traffico dare la precedenza mentre la scheda Diagnostica aiuta nell'identificazione di eventuali guasti.

Il lato negativo di questo software è la sua disponibilità unicamente per Windows: sono supportate tutte le versioni a 32 bit da 2000 a Windows 7, oltre a Windows Vista 64 bit.

L'articolo continua...

1 - Netgear Powerline
2 - Installazione facile, crittografia a 128 bit
3 - Il software di gestione
4 - Conclusioni e tabelle

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

in teoria sì, è fattibile. In pratica è piuttosto complicato perché sulla rete elettrica ci sono tanti trasformatori e tanti filtri che tagliano via le frequenze per diminuire il disturbo sulla fase... quindi già spesso apparati come questo non funzionano tra un palazzo e l'altro sulla stessa via...
22-3-2010 15:15

{chemax}
salve, a questo punto potreebe essere che i distributori di energia elettrica possano essere anche "internet provider" (non so se si dice così) a banda larga aiutando a superare il "digital divide"? e portando l'adsl lì dove non c'è?
22-3-2010 14:18

Buon per te :-) Quello riportato nell'articolo, come sempre, è il prezzo ufficiale di listino comunicato dal produttore o dal distributore. Leggi tutto
19-2-2010 04:58

{Riccardo}
L'ho acquistati a 85 Euro meno di un mese fa, vanno benissimo. Attenzione solo: non sono compatibili col modello precedente che andava a 85. Possono esserci 2 da 200 e 2 da 85 sulla stessa rete ma lavorano a 2 a 2 e non 4 assieme.
18-2-2010 19:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics