Sondaggio
Quale metodo utilizzi nell'apprendere un linguaggio di programmazione?
Corsi tradizionali in aula.
Internet e corsi online.
Libri e manuali.
Altro.
Non programmo.

Mostra i risultati (2123 voti)
Luglio 2015
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Tutti gli Arretrati

Rivoluzione pirata nei micropagamenti

Peter Sunde, già fondatore di The Pirate Bay, lancia la piattaforma di micropagamento Flattr, con una filosofia tutta sua.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-02-2010]

Peter Sunde Flattr micropagamenti sociale

"Vogliamo incoraggiare le persone a condividere soldi, oltre che i contenuti": con queste parole Peter Sunde, ex amministratore di The Pirate Bay, ha presentato Flattr, un progetto che mira a rivoluzionare il mondo dei micropagamenti.

Flattr, attualmente in beta, si basa sul pagamento di una quota mensile fissa da parte dei membri; alla fine di ogni mese quanto raccolto viene diviso tra i essi stessi a seconda di quanto i contenuti creati da ognuno sono stati "graditi".

I membri possono infatti decidere di premiare l'autore di un post particolarmente gradito o di una canzone che è piaciuta: tramite un pulsante apposito (simile a quello di Digg) presente nei siti esprimono la loro preferenza, che servirà a stabilire la ricompensa alla fine del mese.

"Il denaro che un utente versa ogni mese verrà diviso uniformemente sui pulsanti su cui clicca in un mese" ha spiegato Sunde, che ha definito Flattr "un test per vedere se sia un metodo efficiente per i micropagamenti".

La quota minima per partecipare è di 2 euro, ma ognuno può liberamente decidere di dare di più. Della somma totale, Flattr trattiene il 10% per le spese di amministrazione ma, se il sistema avrà successo, la percentuale scenderà.

"Non lo facciamo per diventare ricchi" ha chiarito ancora Sunde "ma per cambiare le cose e dare alle persone il denaro che non hanno mai avuto prima".

Il lancio della versione definitiva di Flattr è atteso per il mese di marzo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

{Tiashi}
Votatemi che dopo dividiamo! Leggi tutto
17-2-2010 21:30

{utente anonimo}
Qualcuno sa che fine hanno fatto i 20000$ che TPB aveva raccolto per comprare un isola?
17-2-2010 11:48

ChissÓ come mai quella frase ""Non lo facciamo per diventare ricchi" ha chiarito ancora Sunde "ma per cambiare le cose e dare alle persone il denaro che non hanno mai avuto prima"" a me fa tanto venire in mente il famigerato "multilevel", quella cosa per cui i fessi danno soldi ai dritti...
17-2-2010 11:34

10% al netto imposte? Leggi tutto
17-2-2010 08:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics