Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (683 voti)
Novembre 2014
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Tutti gli Arretrati

Rivoluzione pirata nei micropagamenti

Peter Sunde, già fondatore di The Pirate Bay, lancia la piattaforma di micropagamento Flattr, con una filosofia tutta sua.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-02-2010]

Peter Sunde Flattr micropagamenti sociale

"Vogliamo incoraggiare le persone a condividere soldi, oltre che i contenuti": con queste parole Peter Sunde, ex amministratore di The Pirate Bay, ha presentato Flattr, un progetto che mira a rivoluzionare il mondo dei micropagamenti.

Flattr, attualmente in beta, si basa sul pagamento di una quota mensile fissa da parte dei membri; alla fine di ogni mese quanto raccolto viene diviso tra i essi stessi a seconda di quanto i contenuti creati da ognuno sono stati "graditi".

I membri possono infatti decidere di premiare l'autore di un post particolarmente gradito o di una canzone che è piaciuta: tramite un pulsante apposito (simile a quello di Digg) presente nei siti esprimono la loro preferenza, che servirà a stabilire la ricompensa alla fine del mese.

"Il denaro che un utente versa ogni mese verrà diviso uniformemente sui pulsanti su cui clicca in un mese" ha spiegato Sunde, che ha definito Flattr "un test per vedere se sia un metodo efficiente per i micropagamenti".

La quota minima per partecipare è di 2 euro, ma ognuno può liberamente decidere di dare di più. Della somma totale, Flattr trattiene il 10% per le spese di amministrazione ma, se il sistema avrà successo, la percentuale scenderà.

"Non lo facciamo per diventare ricchi" ha chiarito ancora Sunde "ma per cambiare le cose e dare alle persone il denaro che non hanno mai avuto prima".

Il lancio della versione definitiva di Flattr è atteso per il mese di marzo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)

{Tiashi}
Votatemi che dopo dividiamo! Leggi tutto
17-2-2010 21:30

{utente anonimo}
Qualcuno sa che fine hanno fatto i 20000$ che TPB aveva raccolto per comprare un isola?
17-2-2010 11:48

Roberto1960
Chissà come mai quella frase ""Non lo facciamo per diventare ricchi" ha chiarito ancora Sunde "ma per cambiare le cose e dare alle persone il denaro che non hanno mai avuto prima"" a me fa tanto venire in mente il famigerato "multilevel", quella cosa per cui i fessi danno soldi ai dritti...
17-2-2010 11:34


merlin
10% al netto imposte? Leggi tutto
17-2-2010 08:02

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics