Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (1051 voti)
Aprile 2015
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Tutti gli Arretrati

Brunetta: "Casella PEC per tutti"

Dal 26 aprile ogni cittadino potrà aprire gratuitamente una casella di Posta Elettronica Certificata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-04-2010]

26 aprile Posta elettronica certificata Brunetta

Ci è voluto più tempo di quello che il Ministro per l'Innovazione e la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta aveva annunciato, ma ormai sembra che ci siamo: lunedì 26 aprile sarà il giorno della Posta Elettronica Certificata per tutti.

Tutti i maggiorenni potranno fare richiesta di una casella PEC, che verrà fornita gratuitamente, recandosi presso un ufficio postale o un negozio Telecom Italia.

La Posta Elettronica Certificata ha valore legale: permette di sostituire le raccomandate con ricevuta di ritorno, e la Pubblica Amministrazione avrà l'obbligo di rispondere allo stesso modo. Tutto ciò dovrebbe tradursi in meno file e tempi più rapidi.

Resta solo un problema: il bando per la fornitura della PEC, vinto da Poste Italiane, Postecom e Telecom Italia è stato contestato da coloro che hanno perso, ossia Lottomatica, Aruba e Fastweb.

Questi si sono rivolti al Tar del Lazio, chiedendo l'annullamento della concessione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Chiude la CEC-PAC, un fallimento da 19 milioni di euro
PEC, è l'ora delle imprese individuali

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 25)


mda
Appunto! Questa è una grande garanzia delle poste. Mentre la ricevuta della PEC attesta che tu in qualsiasi caso (letta, persa, trafugata, ecc.) è ricevuta anche nel caso che non è veramente ricevuta. Addirittura pare che il contrario (la tua email verso un ente) non significhi niente salvo attestare le tue credenziali. In riguardo... Leggi tutto
20-4-2010 22:13

robpaso
PEC inservibile,aldilà delle chiacchiere di nanieballerine! Leggi tutto
20-4-2010 18:31


merlin
sì, ma il 1° aprile è già passato... :roll: Leggi tutto
20-4-2010 18:20


Zeus
non è ancora il 26 aprile...
20-4-2010 18:03


merlin
Le brunettate non finiscono mai. Leggi tutto
20-4-2010 17:34


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics