Storiella di razzismo su British Airways

Circola in Rete una storiella, naturalmente raccontata per vera.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-07-2002]

La scena che segue si è realmente svolta su un volo della compagnia British Airway fra Johannesburg e Londra. Una donna bianca, di circa cinquant'anni, si siede accanto a un nero. Visibilmente agitata, chiama la hostess. "Qual è il suo problema, signora?" chiede la hostess. "Ma non vede?", risponde la signora, "mi avete messo vicino a un negro. Non sopporto di restare a fianco di uno di questi schifosi. Datemi un'altra poltrona".

"Per favore, si calmi", dice la hostess, "quasi tutti i posti sono occupati. Vedrò se c'è un posto disponibile". La hostess si allontana e ritorna alcuni minuti più tardi. "Signora, è come pensavo, nella classe economica non ci sono più posti liberi. Anche il comandante me l'ha confermato. Però c'è ancora un posto in prima classe".

Prima che la donna possa fare il benché minimo commento, la hostess continua: "Nella nostra compagnia è del tutto insolito permettere a una persona in classe economica di sedersi in prima classe. Ma, viste le circostanze, il comandante trova che sarebbe scandaloso obbligare qualcuno a stare seduto vicino a una persona tanto sgradevole".

E rivolgendosi al nero l'hostess gli dice: "Dunque, signore, prenda il suo bagaglio a mano perché una poltrona di prima classe l'attende". E tutti i passeggeri lì attorno che, scioccati, assistevano alla scena, si alzarono e applaudirono.

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE

Anche tu puoi fare qualcosa. Comincia con l'inviare questo messaggio a tutti i tuoi amici.

La storiella è simpatica, ma è del tutto indimostrata. Anzi, puzza proprio di leggenda metropolitana lontana un miglio, visto che ne ha tutti gli ingredienti (mancanza di date, nomi e riferimenti, troppo bella per essere vera, eccetera). Infatti in Rete se ne trovano copie che risalgono addirittura al luglio del 1998. I siti antibufala americani la danno per "non confermata" o addirittura falsa, come potete leggere qui e qui.

La versione inglese è qui sotto (datata 15 luglio 1998, la più antica che ho trovato). Usando le sue frasi potete divertirvi a trovare quanti siti la riportano pari pari senza chiedersi se per caso è una leggenda metropolitana. Notate che la donna nell'originale non era semplicemente "bianca", ma sudafricana. Adesso che l'apartheid non c'è più, la leggenda è stata ritoccata per renderla ancora attuale.

A proposito: la "GIORNATA MONDIALE CONTRO LA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE" esiste, ed è il 21 marzo, come riportato dal sito ONU.

On a British Airways flight from Johannesburg, a middle-aged, well-off white South African Lady has found herself sitting next to a black man. She called the cabin crew attendant over to complain about her seating. "What seems to be the problem Madam?" asked the attendant. "Can't you see?" she said " Yoùve sat me next to a kaffir. I can't possibly sit next to this disgusting human. Find me another seat!"

"Please calm down Madam." the stewardess replied. "The flight is very full today, but I'll tell you what I'll do-I'll go and check to see if we have any seats available in club or first class". The woman cocks a snooty look at the outraged black man beside her (not to mention many of the surrounding passengers). A few minutes later the stewardess returns with the good news, which she delivers to the lady, who cannot help but look at the people around her with a smug and self satisfied grin: "Madam, unfortunately, as I suspected, economy is full. I've spoken to the cabin services director, and club is also full. However, we do have one seat in first class".

Before the lady has a chance to answer, the stewardess continues..."It is most extraordinary to make this kind of upgrade, however, and I have had to get special permission from the captain. But, given the cirumstances, the captain felt that it was outrageous that someone should be forced to sit next such an obnoxious person."

With which, she turned to the black man sitting next to her, and said: "So if yoùd like to get your things, Sir, I have your seat ready for you..." At which point, apparently the surrounding passengers stood and gave a standing ovation while the black guy walks up to the front of the plane.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Passeggeri in Economy più violenti se vedono la Prima Classe

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (1552 voti)
Luglio 2016
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Aiuto, Windows 10 si installa a forza sul computer!
Liberare spazio prezioso su disco
Tutti gli Arretrati


web metrics