Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (4460 voti)
Ottobre 2014
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Tutti gli Arretrati

Il Wi-Fi arriverà a 1 Gbit/s

Lo standard 802.11ac manderà in pensione il Wi-Fi "n". I primi dispositivi saranno in vendita già l'anno prossimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2011]

Wi-Fi 802.11ac Gigabit
Foto via Fotolia

Lo standard Wi.Fi 802.11n ha preso piede in tempi relativamente recenti, eppure è già tempo di pensare alla tecnologia che lo manderà in pensione.

Non è certo questione di mesi ma entro al massimo quattro anni - secondo le previsioni di In-Stat - nel mondo sarà già operativo un miliardo di dispositivi adeguati allo standard Wi-Fi 802-11ac.

Sfruttando ancora la banda al di sotto dei 6 GHz, 802.11ac promette di raggiungere una velocità di 1 Gbit/s grazie all'invio di flussi di dati multipli in contemporanea.

Al momento lo standard non è ancora stato definito, ma la sua procedura di approvazione dovrebbe marciare più spedita rispetto a quella di 802.11n: entro la fine del 2011 la bozza dovrebbe essere completa, mentre i primi prodotti compatibili con 802.11ac potrebbero arrivare sul mercato entro la fine del 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Le soluzioni Netgear e Asus per un Wi-Fi superveloce
Wi-Fi a 10 Gbps con Huawei

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


SverX
Esperienza personale, misurata al cronometro: HD esterno su USB2 -velocità teorica 480Mbps- velocità reale 65%. Ma costante ed effettiva. Leggi tutto
9-2-2011 10:28


carobeppe
A chi si chiede a cosa serva: non ragioniamo solo in ambito domestico! Lavoro per un importante ISP italiano che opera nella mia zona con tecnologia wireless 802.11a. Ebbene, se la backbone è costruita con ponti PDH/SDH ad alta capacità, le singole BS spillano banda dalla dorsale e la ridiffondono a 5GHz a 54Mbps complessivi (che si... Leggi tutto
9-2-2011 07:56


the9ull
Di solito la velocità indicata negli standard indica solo una velocità massima teorica. Nel caso del Wi-fi non si tratta nemmeno delle velocità massima del flusso di dati, ma solo quella della singola scheda di rete. Questo significa che non vengono calcolati tutti i tempi morti che ci sono fra un pacchetto e l'altro, quelli usati per... Leggi tutto
9-2-2011 00:24


Zeus
Il fighettone non spende quei soldi in un router :-) Leggi tutto
8-2-2011 22:31

fabrizioroccapc
e poi simili velocità servono solo a chi deve scaricare o inviare contenuti ad alta velocità ad esempio ad un NAS, e non il solito fighettone che spenderà 300 euro di nuovo router e 1000 euro di nuovo computer solo per connettersi ad internet.
8-2-2011 21:54

Leggi gli altri 1 commenti nel forum Reti e Networking
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics