Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (3531 voti)
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Debutta Windows 10, che fare?
Le app vampiro che fanno morire la batteria all'insaputa dell'utente
Google Maps ricorda tutti i posti dove sei stato
Mentos e Coca-Cola, lo spiegone scientifico
Windows 10, c'è già la data di morte
Aggiornamento d'emergenza per tutte le versioni di Windows
Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!
Sbloccare un programma che non risponde
A cosa serve realmente la rimozione sicura dei dispositivi?
WikiLeaks pubblica un milione di mail di Hacking Team
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Tutti gli Arretrati

Il Wi-Fi arriverà a 1 Gbit/s

Lo standard 802.11ac manderà in pensione il Wi-Fi "n". I primi dispositivi saranno in vendita già l'anno prossimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2011]

Wi-Fi 802.11ac Gigabit
Foto via Fotolia

Lo standard Wi.Fi 802.11n ha preso piede in tempi relativamente recenti, eppure è già tempo di pensare alla tecnologia che lo manderà in pensione.

Non è certo questione di mesi ma entro al massimo quattro anni - secondo le previsioni di In-Stat - nel mondo sarà già operativo un miliardo di dispositivi adeguati allo standard Wi-Fi 802-11ac.

Sfruttando ancora la banda al di sotto dei 6 GHz, 802.11ac promette di raggiungere una velocità di 1 Gbit/s grazie all'invio di flussi di dati multipli in contemporanea.

Al momento lo standard non è ancora stato definito, ma la sua procedura di approvazione dovrebbe marciare più spedita rispetto a quella di 802.11n: entro la fine del 2011 la bozza dovrebbe essere completa, mentre i primi prodotti compatibili con 802.11ac potrebbero arrivare sul mercato entro la fine del 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le soluzioni Netgear e Asus per un Wi-Fi superveloce
Wi-Fi a 10 Gbps con Huawei

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Esperienza personale, misurata al cronometro: HD esterno su USB2 -velocitÓ teorica 480Mbps- velocitÓ reale 65%. Ma costante ed effettiva. Leggi tutto
9-2-2011 10:28

A chi si chiede a cosa serva: non ragioniamo solo in ambito domestico! Lavoro per un importante ISP italiano che opera nella mia zona con tecnologia wireless 802.11a. Ebbene, se la backbone Ŕ costruita con ponti PDH/SDH ad alta capacitÓ, le singole BS spillano banda dalla dorsale e la ridiffondono a 5GHz a 54Mbps complessivi (che si... Leggi tutto
9-2-2011 07:56

Di solito la velocitÓ indicata negli standard indica solo una velocitÓ massima teorica. Nel caso del Wi-fi non si tratta nemmeno delle velocitÓ massima del flusso di dati, ma solo quella della singola scheda di rete. Questo significa che non vengono calcolati tutti i tempi morti che ci sono fra un pacchetto e l'altro, quelli usati per... Leggi tutto
9-2-2011 00:24

Il fighettone non spende quei soldi in un router :-) Leggi tutto
8-2-2011 22:31

e poi simili velocitÓ servono solo a chi deve scaricare o inviare contenuti ad alta velocitÓ ad esempio ad un NAS, e non il solito fighettone che spenderÓ 300 euro di nuovo router e 1000 euro di nuovo computer solo per connettersi ad internet.
8-2-2011 21:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics