Governo: Wi-Fi in tutte le scuole italiane nel 2012

I ministri Brunetta e Gelmini promettono la copertura di tutti gli istituti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-04-2011]

Brunetta Gelmini 2012 WiFi in tutte le scuole
Foto via Fotolia

Dopo la pubblicazione dei dati scoraggianti circa la situazione del Wi-Fi in Italia, e in particolare nelle strutture educative, il Ministero dell'Istruzione e quello dell'Innovazione annunciano il progetto Wi-Fi nelle scuole.

Il piano prenderà il via il 9 maggio e entro la fine dell'anno prossimo porterà la connessione senza fili in tutte le 14.000 scuole italiane (ossia coprirà circa 40.000 edifici).

Renato Brunetta e Mariastella Gelmini hanno dato l'annuncio oggi durante una conferenza stampa e spiegato che per l'attuazione del progetto il Ministero della Pubblica Amministrazione stanzierà 5 milioni di euro per quest'anno e altrettanti per l'anno prossimo; il resto andrà trovato.

Portando il Wi-Fi in tutte le scuole si potranno utilizzare al meglio strumenti didattici come le Lavagne Interattive Multimediali ma anche spostare in Rete tutte quelle operazioni che oggi avvengono offline, con un conseguente risparmio di risorse.

Nella pratica, ciò significa che le scuole verranno spinte ad aderire al portale Scuola Mia per fornire servizi alle famiglie e ai docenti.

Le convocazioni dei supplenti, per esempio, potranno così avvenire via PEC (o SMS), consentendo di risparmiare i 20 milioni di euro spesi ogni anno per l'invio dei telegrammi. Con l'anno scolastico 2011/2012 inizierà inoltre l'era dei pagamenti online.

Nel complesso, il Ministero dell'Istruzione stima che quando tutte le scuole saranno passate a Scuola Mia si riuscirà a risparmiare ogni anno 118 milioni di euro: più di 35 milioni grazie alle pagelle digitali; più di 27 milioni grazie ai certificati digitali; più di 30 milioni grazie ai registri elettronici e 25 milioni grazie alle iscrizioni e ai pagamenti online.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

e così....... Leggi tutto
20-5-2011 08:54

Se solo iniziate a mettere il wifi nella mia scuola giuro che vi do fuoco agli ap
22-4-2011 21:08

Che tale annuncio arrivi nell'imminenza delle amministrative è un chiaro segnale sulle finalità di questa iniziativa, se la storia non fosse già sufficente... Detto questo, in un mondo ideale la cosa di per sè non sarebbe male (sperando, ovviamente, che l'accesso alla rete sia opportunamente filtrato), peccato però che stiamo parlando... Leggi tutto
22-4-2011 15:48

{Rouge}
Buona idea! Leggi tutto
22-4-2011 00:27

Parole sante. Questo è il vero obiettivo, oltre all'occasione per lanciare proclami a sfondo pseudo-elettorale. E ci riescono: la scuola (ho in mente in particolare la scuola superiore) è un grande parcheggio di adolescenti iperprotetti dalle famiglie, in gran parte male-educati e poco scolarizzati, con la percezione del grande vuoto... Leggi tutto
21-4-2011 22:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (508 voti)
Gennaio 2017
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Il governo si prepara a entrare in Telecom Italia
Arrestato per aver venduto set-top box con Kodi
iPhone 8, lo schermo sarà curvo e di plastica
KickassTorrents è tornato, e stavolta è quello vero
L'aggiornamento di Windows 10 che blocca Internet
Nokia ritorna con due cellulari a basso costo
UE: i set-top box con Kodi sono illegali
Aiuto, il mio Android è in bianco e nero!
Aggiornate Firefox e Tor
Netflix, film e serie TV sono anche offline
Tutti gli Arretrati


web metrics