Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Francia, un Consiglio Nazionale per decidere su Internet

Tassazione dei giganti della Rete, Net Neutrality e protezione del diritto d'autore sono i primi argomenti su cui il CNN consiglierà il governo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-04-2011]

Sarkozy Consiglio Nazionale per il Digitale

"Ho voluto riunire diverse personalità competenti sull'Internet francese, per la maggior parte imprenditori, perché il governo possa avere una prospettiva interna al settore".

Sono queste le parole usate da Nicolas Sarkozy per presentare i 18 membri del neonato Conseil National du Numérique (Consiglio Nazionale per il Digitale - CNN) che si è riunito per la prima volta lo scorso 27 aprile.

Ne fanno parte, come ha spiegato il presidente francese, rappresentanti di società le cui attività sono legate a Internet (come Rentabiliweb, Deezer, Owni, Alcatel-Lucent e via di seguito) ma anche rappresentanti degli operatori delle telecomunicazioni (SFR, France Telecom, Free e altri).

Gli argomenti su cui il CNN dovrà consigliare il governo sono già molti e sentiti come urgenti da Sarkozy: vanno dalla possibilità di tassare in Francia i giganti del web (come Google e Facebook) alla protezione dei diritti d'autore dal finanziamento delle start-up alla neutralità della Rete.

Sono queste tutte questioni su cui a livello internazionale dibatterà anche il Forum Internazionale del Web, il cosiddetto G8 di Internet che si riunirà i prossimi 24 e 25 maggio proprio in Francia, a Parigi, nel palazzo delle Tuileries e sarà presieduto dallo stesso Sarkozy.

Durante la presentazione del CNN, il presidente francese ha anche accennato alla famigerata legge HADOPI, scritta allo scopo di proteggere il diritto d'autore ma finora rivelatasi sostanzialmente un fallimento.

"Questo strumento" - ha dichiarato Sarkozy - "non è mai stato un fine in sé ma una soluzione, imperfetta, trovata in un momento preciso della storia. Sono certamente pronto a una Hadopi 3 che porrà fine alla legge attuale... se mi proporrete una soluzione".

Una tale apertura nel rivedere una delle leggi più contestate eppure tanto volute dal capo di stato francese è un po' sorprendente e si accompagna a un'altra affermazione egualmente inaspettata poiché proveniente da un uomo che si è creato la fama di essere più inclinato a regolamentare rigidamente la Rete che non a valorizzarne la libertà: "La censura di Internet" - ha sostenuto - "o il suo blocco generalizzato è una violazione inaccettabile della libertà di espressione".

I primi commentatori francesi hanno però già fatto notare che un simile apparente cambio di rotta non deve apparire poi così strano: le elezioni presidenziali del 2012 sono ormai dietro l'angolo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (1)


Gladiator
A forza di fare il gradasso e leccapiedi delle major ora che fa? Gli viene il dubbio che i francesi siano un pò meno stupidi di quello che crede? O pensa di fare un passo indietro ora per poi farne dieci avanti dopo essere stato rieletto come alcuni furboni di casa nostra su altri temi? :evil:
1-5-2011 18:46

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (757 voti)
Aprile 2014
Addio al gesso, arriva il guanto 3D per le fratture
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Tutti gli Arretrati

web metrics