Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2210 voti)
Dicembre 2014
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati

I furbetti dell'assistenza

Un'inchiesta svela la condotta non sempre limpida dei centri d'assistenza per PC.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-05-2011]

Altroconsumo furbetti assistenza PC Roma Milano
Foto via Fotolia

Un'indagine condotta da Altroconsumo ha innescato una polemica sulla qualità - e sull'onestà - dei centri di assistenza che sembra non volersi placare tanto facilmente.

Alcuni rappresentanti dell'associazione, muniti di telecamera nascosta, hanno portato presso alcuni centri di assistenza di Milano e Roma un netbook, chiedendone la riparazione.

Il guasto, a causa del quale il computer non si avviava, era stato causato ad arte: il banco di RAM era stato scollegato dal proprio slot.

L'indagine mirava, tramite questo trucchetto, a capire con quanta onestà i centri di assistenza agissero, e di conseguenza se gli utenti potessero fidarsi con tranquillità degli interventi segnati alla fine in fattura.

I risultati sono stati in linea di massima confortanti per Roma, ma scoraggianti per Milano.

Se nella capitale la maggior parte dei centri ha riconosciuto il problema e chiesto cifre risibili, inferiori ai 15 euro - e in un caso non è nemmeno stato necessario pagare per un intervento che in effetti è durato pochi minuti - a Milano la faccenda è stata diversa.

Se è vero che anche uno dei centri romani ha chiesto 396 euro per l'intervento, durato ben 17 giorni, a Milano è capitato di dover attendere 26 giorni prima di riavere il PC e sborsare 340 euro.

Il motivo di tanto tempo e tanta spesa sta nel fatto che il guasto sarebbe stato imputato alla scheda madre, e si sarebbe pertanto resa necessaria una sostituzione.

Il guaio è, però, che secondo l'associazione la sostituzione potrebbe addirittura non esserci stata: «alcuni indizi, come la non recente data di rilascio del firmware della scheda stessa, ci portano a pensare che il pezzo si ancora quello originale e che il centro si sia limitato solo a reinserire correttamente la ram».

Non è passato molto tempo prima che uno dei centri coinvolti abbia risposto alle accuse: sebbene i disonesti esistano, dall'indagine sembrerebbe che la pratica dei centri sia considerare il cliente come un «pollo da spennare» mentre i risultati stessi dimostrano che, per fortuna, non è sempre così.

Comunque sia, l'impressione che si ricava da tutto ciò è che non sia consigliabile consegnare il proprio PC nelle mani di uno sconosciuto: meglio informarsi prima sulla competenza e sui prezzi di chi andrà a mettere le mani sui nostri dispositivi e tra i nostri dati.

Anche voi avete fatto esperienze analoghe, lasciando il vostro portatile nelle mani di sedicenti esperti che solo alla fine si sono svelati per quello che erano? Vi invitiamo a discuterne nel nostro forum.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 32)

darktheus
è esattamente quello che ho pensato io dopo aver letto l'articolo.. ma perchè non hanno tenuto i seriali ? test anti furbetti fatti da inesperti :) Leggi tutto
29-8-2011 10:57


franz
Ci lamentiamo, giustamente direi, dei servizi fraudolenti qui in Italia, ma se ve la cavate un po' con l'inglese andate a leggere cosa succede in GranBretagna. a questo link un interessante articolo di PcPro
15-5-2011 22:35


Luko
Ma anche no, può essere benissimo un difetto di produzione. A memoria d' uomo nulla è mai stato perfetto. @dagda: ti assicuro che al nord sono capre quanto al sud, solo che qui lo si nasconde meglio :) Leggi tutto
7-5-2011 01:28


mda
Era un fatto vecchissimo e infatti finirono davanti al giudice. Non so come si concluse. Ciao Leggi tutto
6-5-2011 19:55


splarz
secondo me sarebbe stato meglio sostituire la ram con un banco sicuramente rotto: se mi portano un pc malfunzionante mai penserei ad un banco staccato.
6-5-2011 13:31

Leggi gli altri 27 commenti nel forum Sopravvivere alla New Economy
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics