In prova: Airlive AirMax5

IL TEST DI ZEUS - Incontrare e provare un AP capace di coprire un cerchio del raggio di oltre 20 Km non è cosa di tutti i giorni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-05-2011]

L’Airmax visto dal lato sinistro: si notino le com

Capostipite e top master di una nuova generazione di apparecchi wireless tutto-in-uno con caratteristiche avanzate, questo access point di tipo outdoor rappresenta il modello top di questa categoria in termini di valore, caratteristiche, performance e affidabilità.

Come se non bastasse, il basso costo del prodotto ne fa un punto di riferimento nel mondo del wireless outdoor networking.

Non a caso l'azienda lo propaganda con il motto «Look no Further, AirMax5 is the first choice», ossia «Non cercare ancora, AirMax5 è la prima scelta».

La periferica è racchiusa in un contenitore di policarbonato garantito a vita anti-UV e del tutto isolato dagli effetti della pioggia, della polvere, e più in generale degli agenti atmosferici.

Nel contenitore, completamente stagno, è contenuta un'antenna di serie da 13 dBi, direzionale e orientabile, in forma polarizzata, in senso orizzontale o verticale.

Il blocco interno è legato al contenitore attraverso 2 viti, facilmente raggiungibili, che permettono alla scheda madre di scivolare fuori senza difficoltà.

Basato sullo standard 802.11a, utilizza un processore Atheros 11a/108Mbps capace di offrire, in conformazione standard, una copertura di oltre 20 km attraverso l'antenna built-in.

Come se non bastasse, nel caso sia necessario servire distanze maggiori, è possibile connettere una antenna a più alto guadagno attraverso una porta R-SMA.

La disponibilità di un'antenna di questo tipo consente, inoltre, di gestire la polarizzazione anche secondo orientamenti diversi dai 2 già indicati.

Realizzato come soluzione tutto-in-uno, l'AP è equipaggiato, in forma di accessori, di tutto quanto è necessario per realizzare un ambiente completo di connessione a 5 GHz.

La messa a punto del sistema è particolarmente semplice, grazie a una procedura guidata e alla semplicità dell'interfaccia del firmware: le verifiche sono affidate a un pannello LED a 4 livelli che permette, tra l'altro, di realizzare in forma visuale il miglior allineamento, cosa particolarmente utile quando bisogna, per così dire, "mirare" un ricevitore particolarmente lontano.


Particolare del POE Injector

Essendo un sistema destinato all'outdoor, il prodotto di Airlive è equipaggiato con un avanzato sistema PoE di tipo passivo, cosa che consente di sistemare l'AP fino a una distanza di 100 m dal punto di alimentazione.

La scelta del protocollo 802.11a rappresenta, di fatto, una scelta obbligata per mantenersi lontani dall'ambiente affollato e notevolmente disturbato del 2,4 GHz degli altri standard correnti.

Grazie all'implementazione del Turbo-A mode, il sistema gode di una velocità doppia rispetto allo standard corrente per questo protocollo.

Inoltre la potenza di uscita massima, pari a 23 dBm, consente di gestire connessioni pulite grazie al fatto che, potendo operare su ampiezze di banda di 5, 10, 20 e 40 MHz, l'operatore può scegliere tra oltre 230 canali diversi: ciò consente, di fatto, di eliminare qualunque problema di interferenza esterna.

Il sistema può funzionare come AP, Client, Bridge o WISP Router. Il firmware, particolarmente curato, consente oltretutto di passare istantaneamente da una forma all'altra anche grazie al fatto che un wizard dedicato, definito AirLogic, guida attraverso quattro passi, sufficienti a portare a una completa configurazione finale.

Che i progettisti abbiano dedicato particolare attenzione all'integrazione hardware-firmware è dimostrato dal fatto che il gestore del sistema può creare e offrire, a classi diverse di utilizzatori/client, ambienti di connessione a velocità differenti (un po' come avviene con i servizi Adsl dei provider).

Ancora, la presenza di un ambiente Multi-SSID permette di creare network differenti utilizzando un singolo AP, e l'integrazione di un ambiente di controllo QoS consente operazioni di prioritizzazione automatica o stabilita dall'amministratore per i diversi tipi di servizio (voce, video, dati).

Articolo multipagina - CONTINUA a leggere

Indice
1 - Airlive AirMax5
2 - La prova sul campo

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

.Nicola.
Salve, Ottimo Articolo,veramente completo, ma dove si puo' acquistare ? Grazie
29-3-2012 20:52

{gionato}
Scusate l'ignoranza, ma per connettere le due abitazioni bisogna acquistare due Airmax 5 ?
18-7-2011 20:46

Con una sola parola: LOVOGLIO!
19-5-2011 11:18

direttiva...c'è solo un collegamento tra i due punti.... Leggi tutto
19-5-2011 09:58

Scusate, ma non mi è chiaro.. Con questo gingillo ho la possibilità di "offrire" connettività in un ipotetico raggio di 20Km e a un numero di decine di client che si collegano?? Oppure è una specie di direttiva ?
19-5-2011 09:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (277 voti)
Febbraio 2016
Aiuto, un virus ha preso in ostaggio i miei dati e vuole soldi per ridarmeli
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Dicembre 2015
I migliori prodotti hi-tech del 2015
Tutti gli Arretrati


web metrics