Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (817 voti)
Gennaio 2015
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Amazon regala 175 euro di app per Natale
Tutti gli Arretrati

Tour virtuale di Roma in 3D, grazie a Google Earth

Oltre 17.000 edifici della nostra capitale, così come appare oggi, realizzati in tre dimensioni e pronti per essere visitati stando comodamente seduti al PC.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-08-2011]

Google Earth Roma odierna 3D

Ad aprire le danze era stata la Roma imperiale al tempo di Costantino, ricostruita in tutta la sua magnificenza 3D su Google Earth.

Poi sono arrivate le città moderne, da New York a Parigi, da Melbourne a Milano.

Ora tocca di nuovo a Roma: la città attuale è stata ricostruita in tre dimensioni ed è pronta per essere visitata dai turisti virtuali di tutto il mondo sempre grazie a Google Earth e alla funzione Edifici 3D.

Abilitandola, oltre 17.000 edifici della Città Eterna si "sollevano" dalla mappa bidimensionale e consentono di passeggiare virtualmente in alcuni dei luoghi più famosi del pianeta, dal Colosseo a piazza San Pietro, da piazza Navona al Pantheon.

Il servizio è ancora più spettacolare in quanto, oltre a mostrare gli edifici riprodotti in maniera molto fedele grazie agli strumenti creati da Google stessa, permette di accedere come ormai d'abitudine alle foto geolocalizzate di Panoramio e, naturalmente, a Street View.

Qui sotto, un video realizzato da Google che mostra Roma in 3D all'interno di Earth.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (1)

Roberto1960
Bello! Speriamo però che aumenti piuttosto che diminuire la voglia dei potenziali turisti di venire a visitare di persona le bellezze di Roma.
25-8-2011 11:52


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics