Il cybercrimine supera il traffico di droga

I danni causati dagli attacchi informatici sono peggiori di quelli del traffico di stupefacenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2011]

Cybercrimine Symantec danni 388 miliardi droga
Foto di Tom Wang

Ogni secondo, 14 adulti utenti di Internet cadono nella trappola di qualche cybercriminale: calcolando il numero dei navigatori mondiali, si tratta di più di un milione di vittime al giorno.

I dati sono frutto dell'ultimo Norton Cybercrime Report elaborato da Symantec ed evidenziano come le vittime più frequenti siano gli uomini giovani che accedono al web da dispositivi mobili.

È poi curioso notare come, sebbene la ricerca mostri che il 74% dei navigatori si dica consapevole dei pericoli del cybercrimine, il 41% di essi non tenga aggiornati i software di protezione e il 61% utilizzi password semplici e senza cambiarle praticamente mai.

Tutto ciò li porta a cadere vittime di malware e virus (il 54% degli intervistati l'ha ammesso), truffe online (11%) e phishing (10%).

Il risultato della scarsa attenzione alla sicurezza da parte degli utenti e della vasta attività portata avanti dai criminali è una quantità di danni che si può monetizzare ed è stimata in 388 miliardi di dollari (quasi 276 miliardi di euro).

Il calcolo tiene conto delle perdite finanziarie dirette causate dagli attacchi, stimate in 114 miliardi di dollari, e del tempo perso nell'avere a che fare con le conseguenze dei crimini online (altri 274 miliardi di dollari).

Per avere un termine di paragone, il mercato globale dei traffico di eroina, cocaina e marijuana si stima abbia costi per 288 miliardi di dollari: insomma, 100 miliardi in meno rispetto al cybercrimine.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Clusit lancia l'allarme cybercrime

Commenti all'articolo (1)

pigrizia dimenticanza o solo problemi di memoria? Leggi tutto
8-9-2011 18:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1693 voti)
Settembre 2016
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
L'NSA si lascia sfuggire armi informatiche segrete
Fuchsia, il nuovo sistema operativo di Google
Tutti gli Arretrati


web metrics