Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (4438 voti)
Luglio 2014
Ma chi sono i terroristi?
Il ginecologo che fotografava le donne nude
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
No-IP non funziona, la colpa è di Microsoft
Spyware di stato: le app spione del governo
Giugno 2014
Mappe offline sullo smartphone
Roaming traffico dati, dal 1 luglio costi dimezzati
Tutti gli Arretrati

Avvio superveloce anche per Windows 7

Grazie alla Rapid Start Technology di Intel, il boot avviene in appena cinque secondi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2011]

Intel Rapid Start Technology boot Windows 7 8

Il boot velocissimo di Windows 8, svelato da Microsoft in anteprima su uno dei propri blog ufficiali, sta facendo discutere (non tutti credono a quanto promesso) ma anche entusiasmando gli utenti di Windows.

Non è però detto che per ridurre sensibilmente i tempi di avvio sia necessario passare alla prossima versione del sistema operativo creato a Redmond.

Ci sono alcuni accorgimenti che ognuno, a patto di voler fare qualche acquisto, può adottare, come sostituire l'hard disk tradizionale con una unità SSD (certo ancora piuttosto costosa e poco capiente rispetto a un disco rigido, ma decisamente più veloce).

In secondo luogo, si può vedere che cosa offrano i produttori di hardware.

Intel, per esempio, sta lavorando a una tecnologia chiamata Rapid Start Technology che sarà pronta entro la fine dell'anno.

Per certi versi, si tratta di una soluzione che ricorda molto quella adottata da Microsoft per Windows 8 e si appoggia anch'essa a un sistema analogo all'ibernazione.

Rapid Start - ha spiegato Umesh Shah di Intel - pone il sistema operativo in uno stato simile all'ibernazione (bassissimo consumo di energia, lunga durata della batteria) ma dal quale può riemergere in appena cinque secondi.

Condizione per ottenere queste prestazioni è l'utilizzo di un SSD, o per lo meno di un SSD che lavori insieme a un normale hard disk (soluzione ibrida che non è raro incontrare).

Un ultrabook - l'evoluzione dei notebook secondo Intel - equipaggiato con Windows 7 e questa tecnologia dovrebbe in teoria avere tempi di boot rapidissimi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 11)

Robertino
OEM,forse rallentano l'avvio? Leggi tutto
18-1-2012 12:12

Fabrizio T
Concordo! Leggi tutto
13-9-2011 20:53

{mimmo}
ma perchè non pensano a farlo funzionare bene, il sistema operativo? Cosa importa se si avvia in una frazione di secondo se subito dopo si blocca e devi riavviarlo...
13-9-2011 19:41

kudraw
Semplice, tablet e netbook. Specialmente i primi. Leggi tutto
13-9-2011 09:10

kudraw
Mah veramente ho Windows 7 da molto tempo ormai e le prestazioni sono sempre le stesse, 20-25 secondi sul portatile e 10 secondi sul PC fisso (ho un SSD). Evitiamo i soliti luoghi comuni :D, il problema è che la gente installa roba che poi si piazza all'avvio. Tra l'altro il problema vero sono gli OEM che piazzano un sacco di... Leggi tutto
13-9-2011 09:09

Sista
Continuo a non capire tutto questo interesse per avere un avvio super rapido ai tempi moderni. Potevo capire anni fa quando avevamo alimentatori AT ma oggi con gli ATX e le moderne schede madri il consumo di un computer spento o in standby è praticamente identico. Questo vale per i fissi, per i portatili basta usare l'ibernazione e... Leggi tutto
13-9-2011 08:45

{ken}
A costo di scrivere una banalita':boot veloce = linuxAnche senza scomodare gli ssd, ubuntu e' pienamente operativo in 20/30 secondi, su macchine di media potenza.E questo STABILMENTE. Cioe': dopo un anno o piu' di utilizzo intenso, la velocita' resta quella.E' piuttosto ridicolo prendere come riferimento i tempi... Leggi tutto
13-9-2011 02:40

Fabrizio T
Il mio avvia normalmente, non gli chiedo troppo. Ma sarebbe bello un avvio in così poco tempo!
12-9-2011 22:44

spacexplorer
I SATA-3 e PCIe arrivano in teoria a 6-700Mb/sec in read, poi dipende anche dal filesystem (se non è un rawio) e dalla dimensione del disco stesso: più grosso è più è veloce avendo più IO parallelo. Il punto è che *oggi* con Ubuntu su un vecchio Intel X-25M 160Gb (che non è un ssd d'alta gamma ma un normale ssd, non di ultima... Leggi tutto
12-9-2011 21:03

ercole69
Essendo di fatto un ibernazione i programmi avviati non contano; occorre solo un SSD di fascia top, anche perchè caricare un immagine di 4GB di ram in 5 secondi vuol dire avere avere un disco capace di muovere 800MB/sec (i più veloci che ho visto fanno 200-300MB/s). Anche ammettendo di comprimere l'immagine durante il salvataggio per... Leggi tutto
12-9-2011 17:30

Leggi gli altri 1 commenti nel forum Windows 7
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics