Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerÓ maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1042 voti)
Luglio 2015
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Otto applicazioni vulnerabili agli hacker
Tutti gli Arretrati

Avvio superveloce anche per Windows 7

Grazie alla Rapid Start Technology di Intel, il boot avviene in appena cinque secondi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2011]

Intel Rapid Start Technology boot Windows 7 8

Il boot velocissimo di Windows 8, svelato da Microsoft in anteprima su uno dei propri blog ufficiali, sta facendo discutere (non tutti credono a quanto promesso) ma anche entusiasmando gli utenti di Windows.

Non è però detto che per ridurre sensibilmente i tempi di avvio sia necessario passare alla prossima versione del sistema operativo creato a Redmond.

Ci sono alcuni accorgimenti che ognuno, a patto di voler fare qualche acquisto, può adottare, come sostituire l'hard disk tradizionale con una unità SSD (certo ancora piuttosto costosa e poco capiente rispetto a un disco rigido, ma decisamente più veloce).

In secondo luogo, si può vedere che cosa offrano i produttori di hardware.

Intel, per esempio, sta lavorando a una tecnologia chiamata Rapid Start Technology che sarà pronta entro la fine dell'anno.

Per certi versi, si tratta di una soluzione che ricorda molto quella adottata da Microsoft per Windows 8 e si appoggia anch'essa a un sistema analogo all'ibernazione.

Rapid Start - ha spiegato Umesh Shah di Intel - pone il sistema operativo in uno stato simile all'ibernazione (bassissimo consumo di energia, lunga durata della batteria) ma dal quale può riemergere in appena cinque secondi.

Condizione per ottenere queste prestazioni è l'utilizzo di un SSD, o per lo meno di un SSD che lavori insieme a un normale hard disk (soluzione ibrida che non è raro incontrare).

Un ultrabook - l'evoluzione dei notebook secondo Intel - equipaggiato con Windows 7 e questa tecnologia dovrebbe in teoria avere tempi di boot rapidissimi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

OEM,forse rallentano l'avvio? Leggi tutto
18-1-2012 12:12

Concordo! Leggi tutto
13-9-2011 20:53

{mimmo}
ma perchŔ non pensano a farlo funzionare bene, il sistema operativo? Cosa importa se si avvia in una frazione di secondo se subito dopo si blocca e devi riavviarlo...
13-9-2011 19:41

Semplice, tablet e netbook. Specialmente i primi. Leggi tutto
13-9-2011 09:10

Mah veramente ho Windows 7 da molto tempo ormai e le prestazioni sono sempre le stesse, 20-25 secondi sul portatile e 10 secondi sul PC fisso (ho un SSD). Evitiamo i soliti luoghi comuni :D, il problema Ŕ che la gente installa roba che poi si piazza all'avvio. Tra l'altro il problema vero sono gli OEM che piazzano un sacco di... Leggi tutto
13-9-2011 09:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics