In prova: Bookeen Cybook Orizon

IL TEST DI ZEUS - Un lettore sottile, robusto ed elegante, dotato di e-paper con interfaccia multitouch e connettività Wi-Fi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2011]

Bookeen Cybook Orizon

L'ultima versione del Cybook Orizon di Bookeen si presenta come l'e-reader più sottile al mondo e in effetti, sin dalla prima occhiata, si è portati ad apprezzarne le linee.

Guardandolo, infatti, si apprezza lo sforzo che Bookeen ha profuso nel creare un prodotto esteticamente curato ma che fosse anche pratico da portare con sé.

Ne risulta così un e-reader alto 189 millimetri, largo 125 millimetri e spesso soltanto 7,6 millimetri, che complessivamente pesa 245 grammi.

Lo schermo da 6 pollici occupa la parte superiore del corpo del dispositivo, mentre in quella inferiore ci sono i pulsanti di navigazione e due led.

Il design fa sì che sia possibile tenere comodamente tra le mani l'Orizon - sia in modalità portrait (ritratto) che in modalità landscape (paesaggio) - senza rischiare di coprire con le dita lo schermo; il che, essendo il display un touchscreen porterebbe inoltre a impartire involontariamente dei comandi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Pensi di acquistare un dispositivo per leggere gli e-book?
Sì, un lettore con e-ink in toni di grigio - 25.4%
Sì, ma aspetto l'e-ink a colori - 17.1%
Sì, un tablet - 15.5%
Sì, un netbook - 2.8%
No, preferisco i libri cartacei - 39.2%
  Voti totali: 2429
 
Leggi i commenti (16)
Il retro del lettore è realizzato in gomma abbastanza morbida ed è sempre nero, indipendentemente dal fatto che si sia scelta la versione nera o bianca della parte anteriore; consente una presa salda e piacevole al tatto.

Il display merita considerazione. È realizzato con la tecnologia e-paper di SiPix a 16 toni di grigio, alternativa alla tecnologia e-ink utilizzata, per esempio, dall'Amazon Kindle.

La risoluzione offerta è di 600x800 pixel, con una densità di punti pari a 167 dpi.

Tale scelta ha permesso a Bookeen di realizzare un e-reader che consente di leggere a lungo senza affaticare in alcun modo la vista, fornendo sensazioni simili a quelle della carta.

L'altro lato della medaglia è dato (oltre che dalla rinuncia al colore) dalla necessità di disporre di una fonte di illuminazione esterna, tanto più utile quanto più è potente. In condizioni di scarsa illuminazione, infatti, la lettura diventa difficile; è ottima invece all'aperto, sotto la luce del sole, laddove uno schermo LCD getterebbe la spugna.

Parlare dello schermo significa anche parlare della tecnologia multitouch adottata per l'interfaccia: il Cybook Orizon dispone infatti soltanto di pochi pulsanti, a parte quello d'accesione, che peraltro non sono indispensabili in quanto possono essere sostituiti dall'interazione diretta con lo schermo.

La risposta a ogni movimento delle dita è rapida, sebbene affetta da un ritardo piccolo ma percepibile (forse dovuto anche a un processore non proprio potentissimo), e comunque sufficiente per rendere quasi inutili i pulsanti di direzione e selezione posti immediatamente al di sotto dello schermo.

Le funzioni multitouch comprendono, oltre allo scorrimento dei testi e dei titoli, la possibilità di aumentare o ridurre le dimensioni dei caratteri con un dito.

Il software del lettore permette di organizzare gli e-book - di cui viene mostrata un'anteprima della copertina, se disponibile - nella maniera che si ritiene più appropriata: di default vengono raggruppati per autore e quindi per titolo in ordine alfabetico ma, agendo sulle impostazioni, è anche possibile scegliere una visualizzazione che ricalchi la struttura interna delle cartelle.

I libri sono conservati nella memoria interna da 2 Gbyte, espandibile tramite scheda microSD (massimo 8 Gbyte) da inserire nell'apposito slot posto nella parte superiore, sul retro.

Articolo multipagina - CONTINUA a leggere

Indice
1 - Bookeen Cybook Orizon
2 - Connettività e formati supportati

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1113 voti)
Febbraio 2016
Aiuto, un virus ha preso in ostaggio i miei dati e vuole soldi per ridarmeli
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Dicembre 2015
I migliori prodotti hi-tech del 2015
Tutti gli Arretrati


web metrics