Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1039 voti)
Maggio 2015
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Tutti gli Arretrati

La Guardia di Finanza chiude Italian Share

Individuato Tex Willer, nickname del gestore del primo network multipiattaforma pirata italiano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-11-2011]

guardia di finanza italian share

Si faceva chiamare Tex Willer, come il ranger della Bonelli, ma la sua attività era più simile a quella di un pirata.

P.G., quarantanovenne di Agropoli (SA) sarebbe - secondo le indagini condotte dalla Guardia di Finanza - l'uomo che aveva organizzato il network di siti facente capo a Italian Share.

Secondo gli inquirenti, Italian Share era uno dei maggiori centri di smistamento del materiale pirata in Italia: i suoi 136.000 utenti avevano accesso a più di 31.000 opere protette dal diritto d'autore, spesso ancora prima che il rilascio fosse ufficiale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Saresti favorevole a una "tassa sull'ADSL" per poter scaricare film e musica liberamente?
No
Non lo so.

Mostra i risultati (12154 voti)
Leggi i commenti (20)
Musica, film, videogiochi, e-book, software in generale e video pornografici: dal catalogo non restava escluso praticamente nulla.

I siti che componevano Italian Share erano forum di discussione che ospitavano i link al materiale da scaricare, contenuto nei cyberlocker o condiviso tramite BitTorrent o eMule: in pratica, si trattava del maggiore network multipiattaforma italiano.

Il network si manteneva grazie ai banner pubblicitari e alle donazioni degli utenti, versate tramite PayPal o sotto forma di ricariche PostePay.

Ora l'attività di Tex Willer è stata fermata: la Guardia di Finanza ha disposto il sequestro di tutti i siti al termine dell'indagine condotta in collaborazione con FPM, AESVI e FAPAV.

Ora l'organizzatore, che avrebbe rubato l'identità di una cittadina extracomunitaria per affittare i server necessari all'attività rischia sanzioni penali; rischiano anche coloro che hanno effettuato donazioni. ulteriori indagini quantificheranno più precisamente il giro d'affari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
ItalianShare, sei milioni e mezzo di multa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{FIMI}
Arrestato "Tex Willer", evasore totale Leggi tutto
11-7-2012 11:41


Blind Guardian
Solidarietà a Tex :wink:
14-11-2011 10:07

giangi72
Eoni fa mi sono iscritto e risulto ancora così. Qualche tempo fa mi è arrivato un messaggio dall'amministratore del sito in cui mi chiedeva una donazione per il pagamento dei server. Ora, leggendo i numeri degli utenti capisco che la richiesta era legittima, la banda costa e costa anche cara non vedo alcun scopo di lucro.
12-11-2011 18:56


Rozzemilio
Non siamo in rete per soldi, non c’é alcun scopo di lucro Leggi tutto
12-11-2011 13:59


PuppinoCbr
Infatti condanno in toto lo scopo di lucro; nulla da eccepire. Nulla centra, però, l'aspetto "scandalistico" del problema e del dito puntato sulla condivisione dei file e dei link.. Come se nessuno mai li avesse utilizzati, quando succede una cosa del genere. Dal primo generale all'ultimo della truppa, a casa, beneficia di... Leggi tutto
12-11-2011 13:44


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics