Sondaggio
Qual è tra questi l'evento che attendi di più?
CES, gennaio, Las Vegas
Mobile World, febbraio, Barcellona
CeBIT, marzo, Hannover
E3, giugno, Los Angeles
Computex, giugno, Taipei
IFA, settembre, Berlino
Smau, ottobre, Milano

Mostra i risultati (818 voti)
Aprile 2015
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Tutti gli Arretrati

Screensaver per il Kindle

Quando il dispositivo è spento, è possibile mostrare uno screensaver, grazie alla tecnologia e-ink.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-11-2011]

screensaver_kindle

Gli screensaver del Kindle esistono grazie all'E-Ink. Sull'iPad, per esempio, gli screensaver non si vedono quando il dispositivo è ibernato. Lo schermo diventa semplicemente nero.

Su un Kindle (o altri lettori di e-book), invece, si vedono gli screensaver quando il dispositivo è spento. Questo succede perché la tecnologia dello schermo di un Kindle è completamente diversa da quella di un laptop o di un iPad.

I lettori di E-book hano uno schermo basato sulla tecnologia E-Ink (electronic ink, ovvero inchiostro elettronico) che, dal punto di vista ottico, funziona come la carta stampata. Gli schermi convenzionali, ad esempio LCD, OLED, etc... (a volte chiamati retro-illuminati) emettono luce, mentre gli schermi E-Ink (e la carta) riflettono luce. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Pensi di acquistare un dispositivo per leggere gli e-book?
Sì, un lettore con e-ink in toni di grigio - 25.4%
Sì, ma aspetto l'e-ink a colori - 17.1%
Sì, un tablet - 15.5%
Sì, un netbook - 2.8%
No, preferisco i libri cartacei - 39.2%
  Voti totali: 2429
 
Leggi i commenti (16)
Una conseguenza fondamentale è che si può leggere un Kindle per ore senza affaticare gli occhi, anche in ambienti molto illuminati, ad esempio all'aperto quando c'è il sole, dove uno schermo convenzionale (come quello di un PC o di una macchina fotografica digitale, etc...) sarebbe quasi impossibile e molto faticoso da leggere, perché gli occhi si abituano alla luce forte (le pupille si restringono) e la luce emessa dai cristalli liquidi è troppo debole. Al contrario, con l'E-Ink, più luminoso è l'ambiente e più luminoso è il display, che riflette la luce circostante invece di emettere luce sempre con la stessa intensità, indipendentemente dall'ambiente.

Le foto sotto danno un esempio (Kindle 3 a sinistra, un Blackberry Bold 9700 a destra). Al buio, lo schermo retroilluminato rende il Blackberry molto più visibile:

In una situazione intermedia (al chiuso, con luce artificiale), entrambi gli schermi si leggono facilmente:

All'aperto, al sole, il Kindle è molto più facile da leggere:

Un'altra conseguenza fondamentale relativamente agli screensaver è che gli schermi E-Ink non hanno bisogno di energia elettrica per mostrare un'immagine fissa. E' necessario alimentare lo schermo solo per i "refresh", ovvero quando l'immagine cambia. Questo spiega la durata della batteria degli ebook reader (molto maggiore che con iPad, iPhone, e simili) e rende anche possibile l'esistenza degli screensaver. Quando il dispositivo è spento, lo schermo può mostrare una foto senza consumare corrente. Ecco perché si vedono gli screensaver quando il Kindle è ibernato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il ritorno dei tostapane volanti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


ZapoTeX
Non so... dopo una breve esperienza con Linux durante l'università, sono un fedelissimo di Windows. :-) Buona notte!
13-12-2011 23:32


mda
Proposito! Io lo istallai su Linux ma parecchi cose non funzionavano di dovere. Probabile qualche lib dimenticata oppure è ancora una prova? Ciao Leggi tutto
13-12-2011 07:18


mda
Rimane perchè salva lo schermo dagli occhi indiscreti! :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
13-12-2011 07:15


ZapoTeX
XnView è il migliore per la gestione dei batch! Intuitivo, semplice, molto meglio di tutte le alternative gratuite, compreso IrfanView, e più semplice da usare di PS, che per i batch è un po' complicatino. Buon utilizzo! PS: ho reentemente caricato sul sito gli screensaver di XKCD e dei Peanuts! Volevo mettere anche Dilbert, ma ho... Leggi tutto
12-12-2011 11:28


pierpa
Xnview... Davide sei un mito. È dal 1996 che conosco xnview come il miglior programma di gestione immagini ovviamente in ambiente linux. Funzionava perfettamente con Pentium a 75Mhz e con 8 mega di ram. Meno del cellulare che uso in questo momento. Con le distribuzioni successive è stato sempre più difficile trovarlo pre-impacchettato,... Leggi tutto
11-12-2011 19:48


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics