Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1219 voti)
Maggio 2015
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Tutti gli Arretrati

I primi compiti a casa di matematica della storia

Scovato su due tavolette d'argilla un problema vecchio di 4.500 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-12-2011]

matematica tavoletta argilla

I compiti a casa di matematica hanno almeno 4.500 anni, e gli insegnanti di questa materia non sono mai stati teneri con i loro allievi.

Il professor Duncan J. Melville ha illustrato la scoperta di due tavolette d'argilla - ritrovate nel sito archeologico di Shuruppak, in Mesopotamia (oggi, Iraq) - che hanno tutta l'aria di essere compiti di matematica.

Vi si trova infatti il testo di un problema. «Un granaio. Ogni uomo riceve 7 sila di grano. Quanti uomini?» potrebbe essere una traduzione approssimativa. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Ti piacciono i giochi e gli enigmi matematici?
La matematica l'ho lasciata a scuola e non ne sento la mancanza
La utilizzo e mi piace nel mio lavoro, non per giocarci
Si, ma il mio limite è "unisci i puntini"
Quando me ne capita uno tra le mani, non mi tiro indietro
Li faccio di frequente e sono il miglior modo per mantenere attiva la mente
Giurerei che questo sondaggio nasconde un messaggio cifrato

Mostra i risultati (2188 voti)
Leggi i commenti (3)
Dopo il problema, su ogni tavoletta c'è lo svolgimento; ma, se l'autore di una delle due arriva alla risposta corretta (164.571 uomini e avanzano 3 sila; un granaio vale 1.152.000 sila), l'altro sbaglia il compito.

«Analizzando le tavolette» - scrive il professor Melville - «Marvin A. Powell ha commentato che è stata "scritta da un imbranato che non riusciva a distinguere il fronte dal retro della sua tavoletta, non conosceva la differenza tra la notazione numerica standard e la notazione dell'area, ed è riuscito a fare una mezza dozzina di errori di ortografia in altrettante linee"».

Inoltre, il problema riguardava una divisione per 7. Il che, come fa notare John Baez, «considerato che la numerazione in base 60 rende facile dividere per 2,3,4,5 e 6, ciò prova che gli insegnanti di matematica sono sempre stati dei sadici».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)


mda
Vero! Pensandoci bene, non avevano la virgola e quindi, forse, adottavano questi trucchi. :twisted: Ciao
4-12-2011 17:55


merlin
Eddài, che Pitagora ancora 2000 anni dopo faceva i calcoli allineando pietruzze a terra. E sì, che secondo tradizione aveva studiato pure da loro... :-( Leggi tutto
4-12-2011 11:53

GiuMaz
Wow... Bellissima la parte della divisione per 7 in base 60, Da quello che avevo letto in "storia della Matematica" di Boyer infatti in mesopotamia, visto che i numeri con la virgola non erano ancora utilizzati/scoperti, la notazione in base 60 serviva proprio a facilitare le divisioni (come riporta l'articolo 2,3,4,5,6 ma... Leggi tutto
4-12-2011 10:18


mda
Bastava cambiare numerazione in settesimale e poi convertirla. Oppure fare una divisione inversa. Ma forse non avevano tanta conoscenza matematica. :roll: Ciao
4-12-2011 10:14


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics