Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (1883 voti)
Gennaio 2015
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Amazon regala 175 euro di app per Natale
Tutti gli Arretrati

I primi compiti a casa di matematica della storia

Scovato su due tavolette d'argilla un problema vecchio di 4.500 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-12-2011]

matematica tavoletta argilla

I compiti a casa di matematica hanno almeno 4.500 anni, e gli insegnanti di questa materia non sono mai stati teneri con i loro allievi.

Il professor Duncan J. Melville ha illustrato la scoperta di due tavolette d'argilla - ritrovate nel sito archeologico di Shuruppak, in Mesopotamia (oggi, Iraq) - che hanno tutta l'aria di essere compiti di matematica.

Vi si trova infatti il testo di un problema. «Un granaio. Ogni uomo riceve 7 sila di grano. Quanti uomini?» potrebbe essere una traduzione approssimativa. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Ti piacciono i giochi e gli enigmi matematici?
La matematica l'ho lasciata a scuola e non ne sento la mancanza
La utilizzo e mi piace nel mio lavoro, non per giocarci
Si, ma il mio limite è "unisci i puntini"
Quando me ne capita uno tra le mani, non mi tiro indietro
Li faccio di frequente e sono il miglior modo per mantenere attiva la mente
Giurerei che questo sondaggio nasconde un messaggio cifrato

Mostra i risultati (2121 voti)
Leggi i commenti (3)
Dopo il problema, su ogni tavoletta c'è lo svolgimento; ma, se l'autore di una delle due arriva alla risposta corretta (164.571 uomini e avanzano 3 sila; un granaio vale 1.152.000 sila), l'altro sbaglia il compito.

«Analizzando le tavolette» - scrive il professor Melville - «Marvin A. Powell ha commentato che è stata "scritta da un imbranato che non riusciva a distinguere il fronte dal retro della sua tavoletta, non conosceva la differenza tra la notazione numerica standard e la notazione dell'area, ed è riuscito a fare una mezza dozzina di errori di ortografia in altrettante linee"».

Inoltre, il problema riguardava una divisione per 7. Il che, come fa notare John Baez, «considerato che la numerazione in base 60 rende facile dividere per 2,3,4,5 e 6, ciò prova che gli insegnanti di matematica sono sempre stati dei sadici».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)


mda
Vero! Pensandoci bene, non avevano la virgola e quindi, forse, adottavano questi trucchi. :twisted: Ciao
4-12-2011 17:55


merlin
Eddài, che Pitagora ancora 2000 anni dopo faceva i calcoli allineando pietruzze a terra. E sì, che secondo tradizione aveva studiato pure da loro... :-( Leggi tutto
4-12-2011 11:53

GiuMaz
Wow... Bellissima la parte della divisione per 7 in base 60, Da quello che avevo letto in "storia della Matematica" di Boyer infatti in mesopotamia, visto che i numeri con la virgola non erano ancora utilizzati/scoperti, la notazione in base 60 serviva proprio a facilitare le divisioni (come riporta l'articolo 2,3,4,5,6 ma... Leggi tutto
4-12-2011 10:18


mda
Bastava cambiare numerazione in settesimale e poi convertirla. Oppure fare una divisione inversa. Ma forse non avevano tanta conoscenza matematica. :roll: Ciao
4-12-2011 10:14


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics