SOPA, Wikipedia sciopera per protesta

L'enciclopedia online resterà inaccessibile per 24 ore: in gioco c'è la libertà della Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-01-2012]

wikipedia sciopero sopa

Mentre Rupert Murdoch, tramite Twitter, si scaglia contro Google e il presidente americano in sostegno alla legge SOPA in discussione al Congresso, Wikipedia inizia un'azione di protesta contro la stessa legge.

A partire dalle 5.00 di domani (UTC) e per 24 ore, le pagine dell'enciclopedia online saranno inaccessibili: la comunità di Wikipedia ha infatti votato a favore di uno sciopero come quello portato avanti dall'edizione italiana per protestare contro il ddl intercettazioni. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (2813 voti)
Leggi i commenti (9)
Il blackout riguarderà l'edizione inglese di Wikipedia, che non sarà raggiungibile da nessuna nazione: come spiega l'enciclopedia stessa, si è deciso di non limitare la protesta ai soli USA perché il problema di fondo è più ampio della legge in discussione al Congresso (accompagnata peraltro dalla gemella PIPA).

«In tutto il mondo» - si legge sul sito - «assistiamo allo sviluppo di una legislazione pensata per combattere la pirateria online, e regolare Internet in altri modi, che ferisce le libertà online. Le nostre preoccupazioni vanno oltre SOPA e PIPA: esse sono soltanto parte del problema. Vogliamo che Internet resti libera e aperta, dovunque e per chiunque».

Il 18 gennaio Wikipedia resterà al buio per cercare di far rinsavire quanti approvano una legge che lo stesso presidente Obama ha deciso di non sostenere, ricevendo così il plauso della Electronic Frontier Foundation per bocca di Trevor Timm, uno dei suoi membri.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Piena solidarietà e accordo con Wikipedia e con chiunque lotti contro questi abusi e soprusi! La Democrazia e la libertà le dobbiamo difendere noi e non lamentarci se qualcuno ci aiuta o sprona a farlo!
21-1-2012 14:39

Infatti! Colpevoli che non protestino! Del resto è una violazione della Democrazia che è più grave di un omicidio!!! Ciao Leggi tutto
18-1-2012 21:00

per 2 giorni potrai usare la cache di google, e questo non fa altro che onore a wiki, che insieme a facebook e google e centinaia di altri siti protesteranno contro queste nosense SOPA e PIPA Leggi tutto
18-1-2012 10:26

é comprensibile che Wikipedia protesti come è giusto che la rete sia libera
18-1-2012 08:37

un fastidio temporaneo, per evitare che diventi permanente Leggi tutto
18-1-2012 07:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2541 voti)
Giugno 2017
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Tutti gli Arretrati


web metrics