Foschia e nubi fredde permeano la Via Lattea

Le scoperte della sonda Planck Surveyor sorprendono gli scienziati: nella Galassia c'è una misteriosa foschia di microonde.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-02-2012]

Planck Surveyor nubi fredde foschia

Foschia e monossido di carbonio: non sono i risultati dell'ultimo bollettino meteo per le città della pianura padana, ma quelli ottenuti dalla sonda Planck Surveyor dell'ESA.

Lo scopo ultimo di Planck è studiare la radiazione cosmica di fondo, risalente a soli 380.000 anni dopo il Big Bang, e decodificare le informazioni che contiene sulle componenti fondamentali dell'Universo e l'origine della struttura cosmica.

Per arrivarci, tuttavia, il progetto deve occuparsi prima di rimuovere tutte le contaminazioni che coprono la radiazione di fondo e derivano dalla moltitudine di sorgenti presenti nell'universo (definite foreground proprio perché si trovano "davanti" alla radiazione di fondo).

Nello svolgere questo lavoro di "rimozione", Planck Surveyor si è imbattuto in due importanti scoperte: la prima è la presenza di nubi fredde di idrogeno e monossido di carbonio là dove gli scienziati non si aspettavano di trovarne, riuscendo addirittura a tracciare la prima mappa a tutto cielo delle emissioni di monossido di carbonio.

Le nubi fredde sono importanti in quanto costituiscono i "bacini di gas" da cui nascono le stelle; l'idrogeno, loro componente principale, non emette però facilmente radiazione elettromagnetica, il che rende le nubi stesse difficili da osservare. Invece il monossido di carbonio - altro costituente delle nubi fredde, seppure più raro dell'idrogeno - emette radiazione elettromagnetica nelle frequenze cui è sensibile il satellite europeo.

Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (4841 voti)
Leggi i commenti (30)

L'altra importante scoperta di Planck è la presenza di quella che i ricercatori hanno definito «una misteriosa foschia di microonde che sfida ogni spiegazione», individuata nella regione che circonda il centro galattico.

Appare come una emissione di sincrotrone, generata quando gli elettroni accelerati dalla esplosioni di supernove attraversano campi magnetici.

L'emissione osservata da Planck, tuttavia, presenta caratteristiche insolite rispetto a quella che si trova altrove nella galassia; ha infatti uno spettro che gli scienziati hanno definito più «duro», ossia lo spostamento verso frequenze più alte (energie maggiori) non fa diminuire in modo repentino l'intensità dell'emissione, come avviene normalmente.

Per spiegare questa stranezza le ipotesi prese in considerazione sono le più diverse, e vanno dalla maggiore frequenza di esplosione di supernove al vento galattico sino all'annichilazione delle particelle di materia oscura; la scelta, tuttavia, è difficile.

Tutti questi risultati stanno venendo presentati in questi giorni a Bologna in occasione del convegno internazionale Astrophysics from the Radio to the Sub-Millimetre. Planck and other Experiments in Temperature and Polarization.

Quanto allo scopo principale di Planck Surveyor, ossia fornire dati cosmologici, si prevede che all'inizio del 2013 arriveranno i primi risultati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La galassia più lontana mai scoperta

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1094 voti)
Agosto 2017
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Tutti gli Arretrati


web metrics