Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (854 voti)
Maggio 2015
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
La falla in iOS che rende inutilizzabili iPhone e iPad
Tutti gli Arretrati

Batteri (quasi) marziani nel deserto di Atacama

Il luogo più inospitale e marziano della Terra ospita forme di vita in profondità: su Marte potrebbe essere lo stesso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2012]

batteri atacama cile marte
Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita.

Ci può essere vita, sotto forma di batteri, su Marte? Per avere la risposta direttamente dal Pianeta Rosso occorrerà aspettare la conclusione della missione Curiosity, ma una piccola speranza può già formarsi ora.

Il deserto di Atacama, in Cile, è considerato una delle zone più inospitali del nostro pianeta (e uno dei più aridi, con meno di 0,1 millimetri di pioggia all'anno), tanto da essere considerato simile all'ambiente marziano.

Ebbene, proprio lì, a una profondità tra 2 e i 3 metri, alcuni ricercatori del Centro di Astrobiologia di Madrid hanno scovato una «oasi microbica».

«L'abbiamo chiamata "oasi microbica"» - ha spiegato Victor Parro, coordinatore dello studio - «perché abbiamo trovato dei microrganismi che si riproducevano in un habitat ricco di salgemma e altri composti altamente igroscopici (anidrite e perclorato) che assorbono l'acqua».

La scoperta è stata resa possibile grazie a SOLID, un rilevatore di segni di vita che si progetta di utilizzare proprio su Marte: l'utilizzo nel deserto cileno è stata dunque una sorta di "prova generale".

Sondaggio
Trovata l'acqua su Marte. E la vita? Secondo te su Marte...
C'è stata vita, sotto forma di batteri.
C'è stata vita intelligente.
C'è vita, ma solo unicellulare.
Non c'è mai stata alcuna forma di vita.
Ci sono impianti e costruzioni aliene.
Nessuna delle risposte precedenti è corretta.

Mostra i risultati (3247 voti)
Leggi i commenti (28)

Così sono stati trovati batteri e archeobatteri nel sottosuolo: «Se ci sono microbi simili su Marte in luoghi che hanno condizioni simili a quelle di Atacama, potremmo rilevarli con strumenti come SOLID» ha spiegato ancora Parro.

«L'elevata concentrazione di sale» - chiarisce Parro riferendosi alla possibilità di trovare microbi nei depositi salini marziani - «ha un duplice effetto: assorbe l'acqua tra i cristalli e abbassa il punto di congelamento, in modo che possano esserci film sottili di acqua salata a temperature di parecchi gradi sotto zero, fino a meno 20°C».

Ma quand'anche non si trovassero microbi, ci sarebbe sempre la possibilità di trovare le tracce fossili del loro passaggio quando ancora su Marte c'erano condizioni che permettevano loro di vivere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics