CoproBot (NSFW)

Tempo per te stesso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-07-2012]

Decisamente interessante! Interessante, anche se piuttosto malinconico, il post del mio amico Enzo nel suo blog.

La sottile malinconia che mi ha instillato viene compensata dalla liberatoria senzazione fisica che sto provando mentre appoggio sulla mensolina davanti a me lo smartphone Android.

Una delle migliori cagate del mese! Non il post del mio amico ma quello che ho appena depositato nella tazza del cesso.

Solida quanto serve ad avere coscienza della fisicità dei miei sfinteri senza l'imbarazzante dubbio di essere frocio e morbida tanto da scendere come un ragionamento fluido, moderato e pieno di buon senso.

Non cerco nemmeno la carta igienica, ormai fuorilegge da anni, residuo di uno stupido passato che ti portava a spalmarti la merda nelle chiappe come Nutella sulle fette biscottate della colazione della nazionale di calcio.

Il bidé accordato sulle mie pulsazioni neuronali sintonizza perfettamente la quantità e la temperatura dei flussi d'acqua in modo da permettermi un'adeguata igiene e un ragionevole dubbio sul fatto che mi piace in modo sospettabile toccarmi il buco del culo.

L'operazione igienica è finita e mi posso asciugare e vestire senza l'ansia di dover lanciare verso un viaggio verso l'ignoto quella parte di me ormai espulsa ma sempre e comunque me.

Soppeso con sguardo michelangiolista la materia fecale che espressivamente galleggia nell'acqua.

Le piccole scaglie di buccia di pomodoro, le fibre indigerite di fagiolino e lo scintillio opaco di microscopiche emorridee goccine di sangue, danno una nobiltà regale al mio espulso che sembra affermare in modo inconfutabile il mio esistere e vivere.

Nel bidé galleggia una palude primordiale che attende solo la divina folgore per generare nuove, impensabili, affascinanti forme di vita. Sorrido pensando che tutto questo pochi anni addietro sarebbe stato un imbarazzante peso, ora sarà la soddisfazione del mio fabbisogno energetico per le prossime ore.

Lavato, profumato e vestito esco dal cesso e chiamo il mio CoproBot predisposto a ricevere comandi vocali.

- Mangiamerda! C'è lavoro per te.

Il tozzo parallepipedo apparentemente dormiente, istantaneamente si attiva per accorrere verso i servizi igienici. In meno di un minuto i residui sono assorbiti, riciclati, depurati e sublimati.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3233 voti)
Leggi i commenti (46)

Durante l'operazione sul display del drone scorrono simpatiche emoticons che esprimono soddisfazione e piacere. Non a caso il marketing del Bot coprofilo è stato curato da ex sindacalisti... chi meglio di loro poteva convincere che mangiare merda poteva essere una necessità non necessariamente spiacevole?

Il prodotto finale sono alcune decine di Watt/ora negli accumulatori, tre bottiglie di acqua minerale leggerissima e qualche invitante tartina per l'antipasto del mio incontro galante di stasera. Che cosa meravigliosa la tecnologia!

Esco sereno per recarmi al lavoro; ho uno splendido contratto trimestrale con ticket pasto, abbonamento autobus agevolato e un bonus produttività settimanale di 100 euro spendibile presso i migliori spacciatori della città. Sono un uomo felice... per almeno tre mesi.

Ma la mia felicità sarebbe immediatamente crollata se con vista ultrascopica avessi potuto vedere quella microscopica imperfezione nella struttura cristallina del silicio di uno dei chip del mio CoproBot.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Margherita.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Veleno Romano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Inquinatore! :toilet:
17-7-2012 13:50

O.K. Allora io non capisco Bukowski. Ma è normale, non ho mai capito chi si buka. :lol:
16-7-2012 19:27

hai letto in modo superficiale Bukowski. Ti consiglio di ri-leggere con più attenzione e ti accorgi che.....parla proprio di "veleno" :shock:
16-7-2012 10:38

Bukowski? Ma si bukava? :lol: Io non invidio affatto gli stronzi. Il loro successo è molto più effimero di quanto possa sembrare, è molto più povero di valore. Nel mezzo appaiono vincenti, perchè nel mezzo è sovvertimento, che è illusione, inganno, disordine, confusione. Ma tanto è miserevole è la loro provenienza prima, quanto la... Leggi tutto
16-7-2012 10:25

Ho sempre invidiato quelli che sanno sputare lontano senza sbavare sul labbro inferiore quelli che sanno ruttare sonoro dopo un pasto soddisfacente con lo stecchino tra i denti quelli che sanno parlare forte e chiaro e con voce tonante si fanno ascoltare anche se non hanno nulla da dire quelli che non pensano mai per i quali tutto è... Leggi tutto
16-7-2012 09:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (342 voti)
Luglio 2016
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Tutti gli Arretrati


web metrics