Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quando hai problemi col Pc a chi ti rivolgi?
A chi me lo ha venduto
A un tecnico specializzato
A un amico o a un parente più esperto
Chiedo su un forum
Chiedo su Facebook
Cerco di risolvere il problema da solo
Se il problema sembra serio, non perdo tempo: formatto
Mi limito a imprecare

Mostra i risultati (3188 voti)
Novembre 2014
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Tutti gli Arretrati

Margherita Hack bandita dai bigotti

[AGGIORNAMENTO] Teatro vietato alla Hack: idee contrarie alla dottrina della Chiesa. Che autogol.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-03-2012]

trentino
Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita.

A Mezzolombardo, nel ventunesimo secolo, c'è gente che pensa che far parlare Margherita Hack di bioetica e di testamento biologico sia "offesa ai valori religiosi e alla dottrina della Chiesa Cattolica", tanto da arrivare a vietarle l'uso del Teatro San Pietro, dove era prevista una sua conferenza il prossimo 6 aprile.

A quanto mi risulta, il Teatro era stato donato dalla Chiesa al Comune, che l'ha ristrutturato e dato in gestione al comitato parrocchiale. Il Teatro, quindi, non è di proprietà della Chiesa. Correzione: il Teatro è di proprietà della Chiesa, secondo quanto mi ha comunicato l'assessore Guadagnini del Comune di Mezzolombardo.

Eppure è proprio una parte di questo comitato che si è opposta ad accogliere la Hack al Teatro e quindi impedire a tutti i cittadini, anche ai non cattolici o ai cattolici che vorrebbero essere liberi di sentire cos'ha da dire la Hack. Si è opposta facendo appello alla clausola del contratto di comodato gratuito che parla di "non consentire lo svolgimento di spettacoli che possano recare offesa ai valori religiosi e alla dottrina della Chiesa Cattolica". Clausola probabilmente pensata per evitare spogliarelliste vestite da suore o proiezioni di Brian di Nazareth. Ma la Hack non si spoglierà e non mostrerà filmini irriverenti di Monty Python, per quel che ne so: esporrà il suo punto di vista sulla bioetica, sul quale ha scritto un libro, "La stella più lontana".

La vicenda è raccontata in dettaglio in questo articolo. Se qualcuno è in grado di spiegarmi perché far parlare un'atea di bioetica è offensivo per la Chiesa Cattolica, e come questo divieto si concilia con la tolleranza delle idee e delle fedi altrui così spesso invocata dai credenti, lo faccia nei commenti. Io cercherò di approfondire nei prossimi giorni.

Comunque sia, atteggiamenti di questo genere sono un autogol colossale. Non voglio fare di tutt'erba un fascio: tanto per fare un esempio contrario, la conferenza sul creazionismo che ho coordinato a Lugano con gli amici del CICAP Ticino (video) è stata ospitata senza problemi dalla sala parrocchiale locale.

Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2071 voti)
Leggi i commenti (8)

Può anche darsi che formalmente il comitato parrocchiale abbia il diritto di vietare la presenza della Hack. Ma esercitare questo diritto è una scelta che dimostra una preoccupante chiusura mentale e paura delle idee altrui. Farsi vedere bigotti e intolleranti, attraverso scelte come questa, è il modo migliore per alienare i giovani. Non basta mettere il Papa su Twitter (con @Pope2YouVatican, nientemeno) per essere al passo con i tempi. Mah.

Aggiornamento (2012/03/01 17:00)

Ho sentito telefonicamente l'assessore alla cultura Guadagnini, che mi ha chiarito alcuni punti (riassunti qui con il suo permesso):

- questa sera intorno alle 18 ci sarà la decisione finale;
- il divieto non si limita al giorno del venerdì santo, ma è generale;
- non ci sono altri teatri o locali paragonabili nel Comune;
- la proprietà del Teatro è della Parrocchia, non del Comune come avevo indicato inizialmente;
- in passato il comitato ha rifiutato la rappresentazione di film ritenuti non conformi alla dottrina. Uno di essi, sorprendentemente, è The Passion di Mel Gibson. Bocciati anche il Codice Da Vinci e Irina Palm.

Maggiori dettagli a breve.

Aggiornamento (2012/03/03 13:10)

La votazione ha bocciato la conferenza di Margherita Hack per 4 a 2. Non essendoci altre strutture adeguate a Mezzolombardo, la conferenza è quindi sostanzialmente bloccata.

Riporto qui sotto la lettera scritta il 27 febbraio scorso dai componenti parrocchiali del comitato di gestione al sindaco e alla giunta comunale di Mezzolombardo:

Avendo appreso soltanto dal quotidiano L'Adige dd. 26 febbraio che è in programma l'anteprima di presentazione del libro "La stella più lontana" dell'astrofisica Margherita Hack, presso il Teatro San Pietro, il giorno 6 aprile 2012 "Venerdì Santo", i sottoscritti componenti parrocchiali del comitato di gestione della struttura in questione, sentito il parroco, esprimono un deciso no all'uso del Teatro per la manifestazione in questione.

L'art. 3, infatti, del contratto di comodato gratuito, stipulato tra la Parrocchia e il Comune di Mezzolombardo, ripreso dall'art. 3 del regolamento d'uso (di cui si è chiesto a più riprese la revisione, senza alcun riscontro), recita quanto segue: "il Comune si impegna a non consentire lo svolgimento di spettacoli e/o manifestazioni che possano recare offesa ai valori religiosi e alla dottrina della Chiesa cattolica, di suo sono garanti il Legale rappresentante dell'ente parrocchia e l'Ordinario di Trento".

Le tematiche affrontate nel libro in questione, come si evince dalle recensioni sulla stampa e su internet, sono in evidente contrasto con la norma soprariportata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 49)


mda
Vero. La Chiesa "si data la zappa sui piedi"! :lol: Ciao Leggi tutto
6-4-2012 15:32

eratostene
una piccola annotazione sull'incontro: si prevede il pienone. benissimo! sono contentissimo per la Hack che ammiro tantissimo. Però scommettiamo che se la Chiesa non faceva tutto questo casino erano in pochi ad intervenire....
6-4-2012 15:01


Kalandra
:shock: lo pensi davvero?! non confonderlo con l'agcom! Leggi tutto
6-4-2012 14:47


mda
:lol: Quoto! Però sarebbe capibile. Ciao Leggi tutto
6-4-2012 14:26


Kalandra
;) le scuse funzionano solo con i timorati. (e certo questo non è il caso della Hack) Leggi tutto
6-4-2012 13:44

Leggi gli altri 44 commenti nel forum Scienze e nuove tecnologie
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics