Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2220 voti)
Gennaio 2015
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Amazon regala 175 euro di app per Natale
Tutti gli Arretrati

Il futuro del P2P: anonimo, decentralizzato e senza censura

Chiusi i maggiori cyberlocker, l'attenzione si sposta sulle soluzioni che garantiscono l'anonimato, come RetroShare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2012]

retroshare p2p anonimo

La caduta dei maggiori cyberlocker - Megaupload in testa - ha portato quanti finora si rivolgevano loro a cercare delle alternative che non soltanto riescano a resistere ai tentativi di chiusura ma offrano anche un certo grado di anonimato.

Certamente non tutti i cyberlocker sono stati chiusi - diverse alternative esistono ancora e prosperano - e anche i siti BitTorrent, che pure hanno visto calare il proprio numero, non sono scomparsi dalla Rete da un giorno all'altro.

Eppure, in quest'anno che si è aperto con la discussione intorno alle proposte di legge SOPA e PIPA, software un tempo di nicchia come Tribler hanno registrato un significativo incremento di popolarità, segno che comunque l'attenzione di chi condivide è alta.

Tuttavia, se Tribler fa dell'efficienza il proprio principale punto di forza, per chi preferisce una soluzione che miri maggiormente a proteggere l'anonimato altre alternative sono più interessanti.

È il caso, per esempio, di RetroShare, un altro programma la cui popolarità è andata crescendo negli ultimi tempi.

RetroShare si definisce come «una piattaforma di comunicazione decentralizzata, open source, cross-platform, privata e sicura» che si basa sull'utilizzo di OpenSSL per crittografare tutte le comunicazioni.

I servizi forniti da questa piattaforma comprendono chat, messaggi, forum, canali e, naturalmente, il file sharing.

In pratica, con RetroShare ognuno può creare una rete privata, che non passa attraverso dei server ed è crittografata, per la condivisione dei file: gli utenti aggiungono gli amici alla propria rete tramite lo scambio dei certificati PGP con le persone di cui si fidano; la rete, quindi, si espande a forza di "amicizie".

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5754 voti)
Leggi i commenti (10)

È possibile, naturalmente, scaricare materiale da persone che non si conoscono, ma si passa sempre attraverso uno dei contatti "fidati", e tutte le comunicazioni, come già accennato, solo crittografate.

Queste caratteristiche di sicurezza hanno destato l'interesse di molti, specialmente negli Stati Uniti e soprattutto in gennaio, quando l'attenzione verso SOPA e PIPA era ai massimi livelli.

Il creatore di RetroShare, DrBob, ha infatti segnalato che in quel mese il numero dei download è triplicato, e a febbraio è ancora più che raddoppiato.

«RetroShare riguarda la creazione di uno spazio privato in Internet. Una rete di collaborazione sociale dove si può condividere ciò che si vuole. Uno spazio al riparo dagli occhi indiscreti dei governi, delle aziende e degli inserzionisti pubblicitari. Ciò è di importanza vitale dato che la nostra libertà in Internet è sempre più minacciata» ha spiegato DrBob.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
I dieci siti di torrent più popolari

Commenti all'articolo (1)

giovanna45
Ma si possono scaricare filmati? giovanna
17-4-2012 18:21


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics