Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (2229 voti)
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Curriculum vitae per aziende hi-tech
Google offre un milione a chi creerà un piccolo inverter
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Il robot-origami è il primo vero transformer
Napoli lascia il Pinguino e ritorna con Microsoft
Il Comune di Torino abbandona Windows per Linux
La super tempesta solare che minaccia la Terra
Tutti gli Arretrati

Vodafone non reintegra nemmeno se lo ordina il giudice

33 dipendenti ex Vodafone vincono la causa contro la loro esternalizzazione. Ma il loro posto di lavoro non c'è più.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-04-2012]

vodafone comdata

Quattro anni fa, Vodafone esternalizzò una parte delle sue lavorazioni commerciali a un'altra azienda, la Comdata.

Ci furono scioperi e agitazioni: secondo i sindacati, erano stati ceduti soprattutto dipendenti scomodi e sindacalizzati. Dopo un confronto duro, alla fine venne stipulato un accordo che prevedeva un eventuale rientro dei lavoratori in caso di fallimento di Comdata.

Un gruppo di dipendenti fece ricorso alla magistratura del lavoro e dopo quattro anni si è visto dare ragione dai giudici: Vodafone non doveva esternalizzare questi lavoratori.

Vodafone li riassume ma, immediatamente dopo, mette in mobilità questi 33 lavoratori annunciando «un licenziamento collettivo per riduzione di personale, con conseguente collocazione in mobilità di n. 33 dipendenti, quali eccedenze strutturali»: per loro non c'è più un posto di lavoro adeguato e anche il call center di Roma non è in grado di riceverli perchè "al completo".

Pur ricevendo tutt'ora lo stipendio da Vodafone, non stanno attualmente lavorando: il lavoro che svolgevano non è più disponibile.

Sondaggio
Secondo te la riforma dell'articolo 18 proposta dal Governo...
Modernizzerà l'economia e creerà nuova occupazione. - 10.7%
Peggiorerà le condizioni di lavoro ed aumenterà la disoccupazione. - 65.3%
E' negativa ma necessaria, data la crisi economica nazionale e mondiale. - 6.8%
Non peggiorerà né migliorerà economia e lavoro in Italia. - 17.2%
  Voti totali: 3160
 
Leggi i commenti (42)

Non è il primo caso di lavoratori messi in mobilità al termine di un'esternalizzazione: è successo ai lavoratori Telepost, ex dipendenti Telecom Italia, che hanno vinto i due gradi di appello contro l'azienda che, però, non li riassume, in attesa della sentenza definitiva della Cassazione. Intanto, Telepost li licenzia e li mette in mobilità.

Questa realtà fa giustizia di tante interpretazioni di comodo, che ricorrono in questi giorni, secondo cui le aziende in Italia non riuscirebbero a licenziare per colpa dei giudici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Telecom Italia, da esternalizzare a societarizzare
Vodafone deve reintegrare 150 dipendenti

Commenti all'articolo (4)


Gladiator
Con buona pace di tutti quei fenomeni di giuslavorisiti, industriali e gentaglia varia che continua a propagandare che i grossi problemi del lavoro in Italia sono dovuti alla scarsa flessibilità in uscita dovuta all'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Come poi la facilità di licenziare possa far crescere l'occupazione mi resta... Leggi tutto
7-4-2012 17:21


Zorro
Io ho iniziato a lavorare lo stesso anno dell'entrata in vigore dello "Statuto dei Lavoratori" (Legge 20 maggio 1970 n. 30) che contiene il mitico articolo 18. Posso affermare con cognizione di causa che Fiat si è sempre rifiutata di ottemperare all'ordinanza del giudice che reintegra il lavoratore licenziato senza giusta... Leggi tutto
5-4-2012 15:38

nicorac
Si, e dove vanno? Da TIM/Telecom che ha fatto la stessa cosa se non peggio? Per non parlare di Wind...
4-4-2012 20:46

{giuseppe}
spero che tutti coloro che usano vodafone sia sui telefonini che per altri servizi diano disdetta del contratto
4-4-2012 20:03

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics