Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (711 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

Il segway che manda in pensione la sedia a rotelle

Sviluppato da una società turca, restituisce l'autonomia a chi ha perso la capacità di camminare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2012]

tek robotic mobilization device

Si chiama Tek Robotic Mobilization Device e si candida a essere il dispositivo che manderà in pensione le sedie a rotelle.

Sviluppato in Turchia, è dedicato a quanti hanno perso la capacità di camminare (per esempio a causa di lesioni alla spina dorsale) e si basa su un sistema di sospensioni che permettono di bilanciare il peso dell'utente, consentendogli di restare in posizione eretta.

A differenza di una sedia a rotelle, per salire sulla quale è necessario muoversi all'indietro (operazione non semplice da compiere per chi ha serie difficoltà motorie e deve partire da una posizione in cui la schiena è appoggiata), il Tek RMD richiede un movimento più semplice (poiché vi si sale frontalmente), e che può essere compiuto in autonomia.

Nel video dimostrativo l'utente - Yusuf Akturkoglu, rimasto paralizzato cinque anni fa per una caduta da cavallo - sembra quasi muoversi a bordo di un segway e dimostra come quest'invenzione gli permetta di riacquistare l'autonomia e una mobilità decisamente superiore a quella consentita da una normale sedia a rotelle.

È importante notare come in questo modo Yusuf possa restare "in piedi", abbandonando la posizione supina o seduta che, a lungo andare, provoca in chi vi è costretto problemi cardiovascolari e alle ossa.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (4370 voti)
Leggi i commenti (12)

Il Tek RMD è un dispositivo compatto, che consente a chi lo utilizza di non dover fare i conti con le dimensioni dei luoghi che frequenta; certo sono necessarie comunque le rampe al posto delle scale, ma con questo strumento si elimina, per esempio, la necessità di realizzare toilette apposite.

IL Tek RMD è già in vendita in Turchia e ora l'azienda che lo produce - la AMS Mekatronic - sta cercando partner disposti a esportarlo in Europa e Stati Uniti; il costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 15.000 dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Lo skateboard monoruota è come un Segway senza mani

Commenti all'articolo (1)

Roberto1960
Ho visto tutto il video di presentazione e devo dire che sembra veramente un apparato di supporto ben progettato e molto utile. Certo il costo è rilevante e con le attuali politiche di taglio delle spese sociali avrà difficoltà ad imporsi in Europa.
8-4-2012 08:12

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics