Cloud, i risultati della ricerca promossa da Google

Il peso crescente del cloud computing nelle aziende italiane. Il nuovo ruolo decisionale dei Direttori Finanziari nel processo di adozione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-06-2012]

cloud_computing
Foto via Fotolia

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Cloud computing

Un'indagine condotta presso i responsabili finanziari di aziende italiane da Vanson Bourne per conto di Google ha rivelato che la maggioranza di loro ritiene che l'adozione del cloud computing nelle loro aziende sia destinata ad aumentare e che i Chief Financial Officer (CFO) eserciteranno sempre maggiore influenza nella scelta e nell'acquisizione dei servizi IT, con il 78% del campione intervistato che dichiara di essere già parte del processo decisionale.

La ricerca è stata condotta su 100 CFO di aziende italiane medio-grandi ed evidenzia la percezione di una crescente importanza dell'IT quale leva del business in relazione, specificatamente, alla diffusione del cloud computing.

Oltre la metà (52%) dei responsabili finanziari ritiene che il cloud computing sia in grado di migliorare il contributo della funzione IT alla strategia aziendale. Una percentuale simile di CFO (55%) crede che il cloud computing possa aumentare la capacità di innovazione dei dipartimenti IT.

Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1191 voti)
Leggi i commenti (4)

L'indagine mostra anche la popolarità crescente del cloud computing presso le grandi imprese italiane, con il 77% degli intervistati che ha dichiarato che la loro azienda ha già implementato servizi cloud o progetta di farlo.

Ben il 99% degli intervistati ha dichiarato che il cloud computing sarà importante per il successo delle loro aziende nei prossimi 12-18 mesi.

Una rilevante maggioranza dell'87% ritiene che il cloud computing offra benefici quantificabili alle loro aziende, quali riduzione dei costi di manutenzione dell'IT (46%), diminuzione dei costi IT (38%) e di gestione (34%) e miglioramento nell'efficienza dei processi (29%).

Gli intervistati sono inoltre in maggioranza convinti (53% del campione) che il cloud computing offra maggiori vantaggi al business rispetto all'outsourcing tradizionale.

Luca Giuratrabocchetta, Country Manager di Google Enterprise Italia, ha così commentato i risultati dell'indagine: "Fino a oggi, l'adozione delle tecnologie cloud nelle aziende è stata per la maggior parte dei casi guidata dalla funzione IT. Ora, però, le cose stanno cambiando e sempre più spesso ci troviamo a discutere con CFO, COO (Chief Operating Officer) e CEO ed è facile intuire come mai. I vantaggi del cloud computing vanno oltre l'ovvio risparmio sui costi del software e della manutenzione. Il ruolo strategico che può ricoprire all'interno dell'organizzazione in termini di volano per l'innovazione e il miglioramento della produttività sta rendendo il cloud computing un'opzione sempre più attraente per le aziende che vogliono rimanere competitive e agili. Il fatto che il 99% dei CFO intervistati creda che il cloud computing sarà importante per il successo delle loro aziende nei prossimi 12-18 mesi evidenzia come il board si sia ormai reso conto dei vantaggi del nuovo modello cloud".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 50)

Cloud computing su server locale: vantaggioso, piuttosto che aggiornare decine di PC ogni x anni. Cloud computing su internet: ma scherziamo??? con l'affidabilità e la velocità dell'ADSL italiana????
28-5-2014 13:42

Non usarlo mi sembra eccessivo, ma come ai tempi del VM usare SOLO il cloud come adesso viene propagandato ha due (tre) grosse controindicazioni, l'inaccessibilità se non si accede alla rete (e in Italia la rete non è che sia granitica), il rischio che il server remoto sparisca con tutti i tuoi dati per guasto o fallimento (in caso di... Leggi tutto
28-5-2014 04:18

Personalmente dividerei la questione in privati e societa', ma inviterei a leggere o ascoltare Stallman al riguardo. Si e' fatto un opinione molto molto prima che altri nemmeno pensassero alla quesitone, e come tutte le sue opinioni la questione e' argomentata in maniera impeccabile... Meditate gente meditate
8-2-2013 09:02

@Freemind: se pensi sia opportuno, raggruppiamo un pochino i messaggi cancellando magari quelli inutili :) direi che sta venendo su una bella guida di riferimento per mettere su un cloud privato. @cybermanu: grazie come sempre ;) link preziosissimo.
15-6-2012 00:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1010 voti)
Giugno 2017
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicurezza con la sandbox e più leggerezza
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Il forno a microonde per videogiocare
L'Essential Phone del papà di Android
Tutti gli Arretrati


web metrics