Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
IBM prevede che cinque tecnologie diventeranno realtà entro il 2016. Quale credi che si realizzerà davvero?
Microgenerazione: tutto ciò che si muove (camminare, andare in bicicletta, persino l'acqua che scorre nei tubi) produrrà energia, e diremo addio alle grandi centrali.
Password genetica: scansione della retina, riconoscimento vocale e i tratti biometrici in generale saranno combinati per creare una password unica e irripetibile.
Lettura del pensiero: come Kinect legge i movimenti, così i dispositivi del futuro leggeranno la volontà degli utenti tramite le onde cerebrali, e ne anticiperanno i desideri.
Addio al digital divide: grazie ai dispositivi mobili, anche le più remote aree del globo saranno connesse a Internet, avranno accesso alle informazioni e potranno migliorare la qualità della propria vita.
Apprezzeremo lo spam: le email spazzatura diventeranno così personalizzate da risultare utili, trasformandosi da seccature in opportunità.

Mostra i risultati (2635 voti)
Novembre 2014
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Tutti gli Arretrati

Megaupload, adesso chi rischia è Carpathia

Il governo americano sta meditando di far causa al provider: sarebbe corresponsabile per le violazioni al copyright.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-04-2012]

megaupload carpathia rischia

Il problema dei dati conservati sui server utilizzati da Megaupload sino alla chiusura (e per il cui mantenimento Carpathia Hosting spende 9.000 dollari al giorno senza molte speranze di ricevere un pagamento) è finalmente arrivato davanti al giudice.

Il caso è stato discusso alla presenza degli avvocati di Carpathia, della MPAA, di Megaupload e della EFF, oltre che di un procuratore in rappresentanza del governo USA: dalla discussione l'hosting provider sperava di poter ricavare buone notizie.

Invece, nonostante il giudice O'Grady abbia espresso la propria comprensione per la situazione di Carpathia (che non può riciclare i server ma deve continuare a mantenerli), il procuratore ha fatto sapere che l'hosting provider potrebbe essere considerato responsabile di violazione di copyright.

In pratica, i 35 milioni di dollari che Carpathia avrebbe incassato da Megaupload renderebbero l'azienda corresponsabile delle attività illegale di cui è accusato il cyberlocker, e quindi la potrebbero esporre a una causa civile.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Il rappresentante del governo americano non ha fornito ulteriori dettagli sulle responsabilità del provider, e nessuno dei presenti davanti al giudice ha rilasciato commenti.

In ogni caso, ancora non si è arrivati a una decisione definitiva circa il destino dei server.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Cancellati definitivamente 630 server di Megaupload

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


Zorro
scusa ma il paragone è inadeguato. un paragone più corretto sarebbe il seguente: A affitta un magazzino a B. B vi deposita merce da lui rubata che poi rivende. Credo proprio che un giudice chiamato in causa da un derubato vorrebbe accertare che A non fosse al corrente dell'attività di B e se al corrente cosa ha fatto per impedirla. Non... Leggi tutto
19-4-2012 16:04

dany88
probabilmente sono minacce per fargli fare quello che vogliono. :roll:
18-4-2012 12:53

{aldolo}
solo 35 mln per rivoluzionare il web? a buon mercato direi. quanto e' costato italia.it????
18-4-2012 06:14


Silent Runner
Già superata.
17-4-2012 17:09

{myheartisblack}
Ma qua si sta arrivando alla pazzia pura...
17-4-2012 16:08

Leggi gli altri 1 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics