Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (1827 voti)
Dicembre 2014
Chiude la CEC-PAC, un fallimento da 19 milioni di euro
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Tutti gli Arretrati

Google e James Cameron a caccia di minerali nello spazio

La Planetary Resources aprirà l'era dell'esplorazione mineraria degli asteroidi, per rifornire la Terra di risorse.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-04-2012]

james cameron planetary resources
James Cameron

Andare a caccia di minerali tra gli asteroidi: è questo l'obiettivo di Planetary Resources, una azienda appena fondata la cui esistenza diverrà ufficiale domani.

Dietro Planetary Resources ci sono nomi noti come il cofondatore di Google Larry Page e il presidente Eric Schmidt, il regista James Cameron, l'ex Chief Software Architect di Microsoft Charles Simonyi, il miliardario Ross Perot Jr. e altri.

Che l'obiettivo sia l'estrazione mineraria dagli asteroidi è un'ipotesi ancora in cerca di conferma, ma gli indizi ci sono; il comunicato stampa ufficiale per ora parla soltanto di «creare una nuova industria e una nuova definizione di risorse naturali».

La presenza tra i fondatori di questa neonata compagnia di Eric Anderson - presidente di Space Adventures - e di Peter Diamandis (tra i principali attori della X Prize Foundation) è più di una coincidenza.

Diamandis in particolare da tempo guarda verso lo spazio con l'occhio di chi vede un'immensa miniera ricca dei materiali più vari, pronta a essere sfruttata.

Le attività della Planetary Resources «aggiungeranno bilioni di dollari al PIL mondiale», o questo almeno è ciò che promette il comunicato ufficiale.

Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3063 voti)
Leggi i commenti (53)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (2)


mda
I rifiuti di Napoli finiscono (paghiamo noi italiani) in Germania e altri Paesi che con quel materiale ci producono e poi noi comperiamo!!! Mentre le società private italiane di riciclo di materiale falliscono per mancanza di materia prima!!! Mentre gli inceneritori, le discariche degli inceneritori (non lo sapevate che servono?) e... Leggi tutto
23-4-2012 18:50


Stx
Questo processo di "importazione" di materiale extra-terrestre avra' il risultato di far aumentare la gravita' del nostro pianeta perche' ne aumenterebbe la massa complessiva. Cio' a meno che non si compensi "esportando" fuori orbita materiale di pari peso. Potrebbe essere la soluzione per i rifiuti di Napoli.. :idea:
23-4-2012 16:11


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics