Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (3102 voti)
Dicembre 2014
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati

Il processo a Megaupload non si farà, furioso Kim Dotcom

Un errore procedurale manda all'aria il processo. Per Kim Dotcom l'obiettivo era affondare Megaupload, non portarlo in tribunale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-04-2012]

kim schmitz processo megaupload

Dopo i sequestri, gli arresti e l'impossibilità per milioni di utenti di accedere ai propri dati, ora c'è la seria possibilità che la vicenda di Megaupload non arrivi mai in tribunale.

Il giudice americano che sta esaminando il caso ha infatti individuato un errore procedurale in base al quale tutto quanto potrebbe venire a cadere: «Non so se riusciremo mai a istruire un processo» ha dichiarato.

Il problema sta nel fatto che a Megaupload non sono mai stati rivolte direttamente le imputazioni relative alle attività criminali di cui è accusata, e ciò perché la legge americana non permette di farlo per le aziende che si trovano al di fuori della giurisdizione degli Stati Uniti.

«A quanto ho capito» - ha fatto sapere Ira Rothken, l'avvocato di Megaupload - «non l'hanno fatto perché non possono». Rothken ha aggiunto che non si spiega il motivo in base al quale le autorità degli USA non si siano accorte prima del problema.

Una possibile spiegazione è stata ipotizzata da Kim Dotcom, il quale - a differenza di quanto sulle prime ci si potrebbe aspettare - è decisamente furioso.

Secondo il fondatore di Megaupload l'intera operazione è stata messa in piedi perché l'obiettivo non era di portare davanti alla giustizia il cyberlocker, ma chiuderlo: i sequestri e la chiusura delle attività hanno già avuto luogo, e poco importa alle autorità - sostiene Dotcom - se non ci sarà mai un processo, dato che il risultato è stato già raggiunto.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

«Il governo statunitense ha terminato Megaupload, Megavideo e altre 10 sussidiarie, compresa un'azienda chiamata N1 Limited che stava sviluppando una linea di abbigliamento. Hanno distrutto 220 posti di lavoro. Milioni di legittimi utenti di Megaupload non hanno accesso ai propri file» ha dichiarato Kim Dotcom.

«Siamo già stati condannati a morte senza processo, e anche se saremo riconosciuti "non colpevoli" - cosa che accadrà - il danno non potrà mai essere riparato» spiega ancora il fondatore.

Tutto ciò sarebbe stato causato dalla «corruzione che arriva ai più alti livelli della politica e che serve gli interessi degli estremisti del copyright di Hollywood. Megaupload è diventata una pedina per la rielezione» conclude Dotcom, il quale comunque è fiducioso circa il fatto che presto sarà fatta chiarezza.

«È solo questione di tempo prima che la verità sia svelata. Ci stiamo lavorando e stiamo facendo buoni progressi».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


mda
È un diritto sequestrare qualsiasi cosa sul territorio. Si può anche sequestrare anche in altro Stato se esistono convenzioni tra i due Stati. Ma non possono tenerli sequestrati in eterno! Il sequestro vale fin alla conclusione delle indagini e poi rimane, se attinenti al processo e/o per non reiterare il delitto e/o far sparire prove, ... Leggi tutto
30-4-2012 14:21


Danielix
Correggetemi se sbaglio: che io sappia i server erano su territorio USA, mentre l'azienda MU in sé è estera. In base alla logica del più forte che gli USA hanno sempre applicato, sarà pur impossibile processare l'azienda in quanto estera, ma dal momento che pensano di essere dalla parte della ragione, quanto è in loro potere lo... Leggi tutto
30-4-2012 13:32


mda
Facendogli un danno non è automaticamente risarcito (deve fare causa allo Stato USA spesso con risultato nullo o con un rimborso ridicolo se "avresti ragione" se no paghi, insomma il danno e la beffa) ma sicuramente avrà accumulato debiti e clienti incavolati se non persi. Questo lo limita al ricominciare. Attenzione questo... Leggi tutto
30-4-2012 13:21


ioSOLOio
mi devo essere perso qualche passaggio.. in breve.... c'era MegaUpload.... blitz di Fbi & co che bloccano il business, sequestrano i server..arrestano Kim Dotcom.... ora dicono il processo non si farà per motivi tecnico/burocratici....di fatto dunque non si potrà emettere sentenza di colpevolezza nei confronti di MU... ora, stante... Leggi tutto
30-4-2012 11:01


Gladiator
Come ho già avuto modo di dire in un altro post, il vero obiettivo dell'FBI, istigata dalle major e dalle lobbies dell'intrattenimento, era la chiusura di MU, ottenuto questo risultato perchè rischire un processo che potrebbe anche portare ad una sentenza favorevole a MU. L'ipotesi complottistica sta diventando sempre più credibile.
26-4-2012 15:01

Leggi gli altri 3 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics