Facebook regala l'antivirus agli utenti

Nasce il Facebook AV Marketplace, da cui scaricare gratuitamente per sei mesi i maggiori software di sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-04-2012]

facebook av marketplace

Una sterzata decisa verso la sicurezza: nasce così all'interno di Facebook, con l'intento di difendere gli oltre 900 milioni di utenti, l'Antvirus Marketplace.

Molti ricorderanno la minaccia rappresentata, non troppo tempo fa, da Koobface e i vari allarmi, succedutisi nel tempo, circa i pericoli che gli utenti del sito in blu corrono a causa di link e post ingannevoli.

Così i dirigenti del social network hanno deciso di accordarsi con i maggiori produttori di software per la sicurezza, offrendo a tutti gli utenti di Facebook la possibilità di scaricare gratuitamente una licenza valida per sei o dodici mesi del software preferito.

Nella lista proposta da Facebook ci sono McAfee Internet Security 2012, Norton AntiVirus, Sophos Anti-Virus per Mac Home Edition e Trend Micro Internet Security; inoltre è anche disponibile Microsoft Security Essentials che, essendo un prodotto gratuito, non ha limite di scadenza.

Sempre sul fronte della sicurezza, Facebook ha poi deciso di unificare la propria blacklist di indirizzi con quella delle aziende partner.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilità
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalità politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (4790 voti)
Leggi i commenti (25)

Considerato l'elevato numero di utenti, in realtà dal punto di vista della presenza di contenuti pericolosi le cose non vanno poi tanto male: soltanto il 4% dei contenuti presenti sul social network è spam (i dati sono di Facebook stessa).

Tuttavia un'epidemia di malware diffuso tramite il social network sarebbe disastroso per la sua immagine; e, d'altro canto, chi produce antivirus sarà ben contento dell'enorme bacino di utenti cui potenzialmente ha accesso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
CAMP, l'antivirus di Google

Commenti all'articolo (3)

Una scelta di marketing vantaggiosa soprattutto per i produttori di antivirus :lol:
4-5-2012 21:46

beh non ci vedo nulla di strano...è una scelta di marketing vantaggiosa per tutte le parti...anche altri siti a volte offrono questa possibilità (ovviamente in termini ridotti sia come scelta di software che come disponibilità) chiaramente connaturata alle loro potenzialità.. E' vero che ci sono alternative free/open...e che sono... Leggi tutto
30-4-2012 11:05

{bruno}
Parliamoci chiaro! Facebook piazza antivirus in prova prendendo la percentuale dal venditore. Un sano Clamwin Open source no?
27-4-2012 23:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (522 voti)
Giugno 2017
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Il forno a microonde per videogiocare
Tutti gli Arretrati


web metrics