Gmail, aumenti pazzeschi per lo spazio extra

Lo spazio gratuito è aumentato a 10 Gbyte, ma quello aggiuntivo ora costa 6 volte più di prima.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-04-2012]

google drive spazio

L'introduzione di Google Drive ha portato a cambiamenti un po' per tutti i servizi di Google che offrono dello spazio.

Per esempio, lo spazio gratuito di Gmail è passato da 7 a 10 Gbyte; quello di Google Documenti - per l'appunto sostituito da Drive - è arrivato a 5 Gbyte; quello di Picasa è rimasto a 1 Gbyte, ma ora è separato dal resto.

Inoltre, i megabyte conteggiati in Google Drive calano soltanto se vengono caricati dei file che non sono convertiti nel formato di Google, rendendo virtualmente ancora maggiore lo spazio a disposizione.

Fin qui le novità paiono tutte positive. A guardar meglio la pagina del supporto di Google relativa alle variazioni, si scopre che le sorprese meno piacevoli si annidano nei prezzi per lo spazio aggiuntivo.

Infatti, se prima avere 20 Gbyte (condivisi tra Gmail, Documenti e Picasa) costava 5 dollari all'anno, ora 25 Gbyte (il nuovo "taglio" corrispondente, ma dedicato solo a Drive e Picasa) costano 2,49 dollari al mese (ossia quasi 30 dollari l'anno); similmente, 80 Gbyte costavano 20 dollari all'anno e ora 100 Gbyte arrivano a 4,99 dollari al mese.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (4952 voti)
Leggi i commenti (12)

Si arriva così al massimo spazio a disposizione, 16 Tbyte: prima costavano 4096 dollari l'anno, ora 799,99 dollari al mese.

Occorre aggiungere, tuttavia, che sottoscrivendo uno qualsiasi dei piani che forniscono spazio extra il limite di archiviazione di Gmail viene automaticamente portato a 25 Gbyte; Gmail infatti non condivide più lo spazio aggiuntivo con Drive (ex Documenti) e Picasa, come invece prima succedeva.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

In realtà (mi funziona) converte anche quelli OOo e qualcuno dice anche altri tipi sono supportati. Ciao Leggi tutto
30-4-2012 18:24

{roberto}
non solo ma le foto vemgono caricate solo a un formato ridotto per caricarle nel loro formato naturale ti impongono l'uso della applicazione, che poi se la usi e vuoi scaricarti, un album ti rinomina automaticamente a modo suo tutte le foto. evidente che google italia vouole adeguare gli stipendi al liveloo dei dirigenti pubblici... Leggi tutto
30-4-2012 12:37

Anche io leggendo questa cosa me lo sono chiesto... Qualcuno sa dare una spiegazione su cosa si intenda con: "i formati che Google non converte" ? Leggi tutto
30-4-2012 12:28

7 o 10 giga di spazio per le email trovo siano un volume decisamente importante... certo per lavoro potrebbe essere anche relativamente poco (appunto al lavoro l'archivio mail è di circa 11 giga....conservato e backuppato da apposita policy) ma per lavoro -se importante e da tenere assolutamente- non userei una mail che per quato... Leggi tutto
30-4-2012 10:51

Quindi quali sono i formati che Google non converte ? Leggi tutto
30-4-2012 10:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (342 voti)
Luglio 2016
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Tutti gli Arretrati


web metrics