Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (803 voti)
Ottobre 2014
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Tutti gli Arretrati

Gmail, aumenti pazzeschi per lo spazio extra

Lo spazio gratuito è aumentato a 10 Gbyte, ma quello aggiuntivo ora costa 6 volte più di prima.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-04-2012]

google drive spazio

L'introduzione di Google Drive ha portato a cambiamenti un po' per tutti i servizi di Google che offrono dello spazio.

Per esempio, lo spazio gratuito di Gmail è passato da 7 a 10 Gbyte; quello di Google Documenti - per l'appunto sostituito da Drive - è arrivato a 5 Gbyte; quello di Picasa è rimasto a 1 Gbyte, ma ora è separato dal resto.

Inoltre, i megabyte conteggiati in Google Drive calano soltanto se vengono caricati dei file che non sono convertiti nel formato di Google, rendendo virtualmente ancora maggiore lo spazio a disposizione.

Fin qui le novità paiono tutte positive. A guardar meglio la pagina del supporto di Google relativa alle variazioni, si scopre che le sorprese meno piacevoli si annidano nei prezzi per lo spazio aggiuntivo.

Infatti, se prima avere 20 Gbyte (condivisi tra Gmail, Documenti e Picasa) costava 5 dollari all'anno, ora 25 Gbyte (il nuovo "taglio" corrispondente, ma dedicato solo a Drive e Picasa) costano 2,49 dollari al mese (ossia quasi 30 dollari l'anno); similmente, 80 Gbyte costavano 20 dollari all'anno e ora 100 Gbyte arrivano a 4,99 dollari al mese.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (4765 voti)
Leggi i commenti (12)

Si arriva così al massimo spazio a disposizione, 16 Tbyte: prima costavano 4096 dollari l'anno, ora 799,99 dollari al mese.

Occorre aggiungere, tuttavia, che sottoscrivendo uno qualsiasi dei piani che forniscono spazio extra il limite di archiviazione di Gmail viene automaticamente portato a 25 Gbyte; Gmail infatti non condivide più lo spazio aggiuntivo con Drive (ex Documenti) e Picasa, come invece prima succedeva.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


mda
In realtà (mi funziona) converte anche quelli OOo e qualcuno dice anche altri tipi sono supportati. Ciao Leggi tutto
30-4-2012 18:24

{roberto}
non solo ma le foto vemgono caricate solo a un formato ridotto per caricarle nel loro formato naturale ti impongono l'uso della applicazione, che poi se la usi e vuoi scaricarti, un album ti rinomina automaticamente a modo suo tutte le foto. evidente che google italia vouole adeguare gli stipendi al liveloo dei dirigenti pubblici... Leggi tutto
30-4-2012 12:37

Krane
Anche io leggendo questa cosa me lo sono chiesto... Qualcuno sa dare una spiegazione su cosa si intenda con: "i formati che Google non converte" ? Leggi tutto
30-4-2012 12:28


ioSOLOio
7 o 10 giga di spazio per le email trovo siano un volume decisamente importante... certo per lavoro potrebbe essere anche relativamente poco (appunto al lavoro l'archivio mail è di circa 11 giga....conservato e backuppato da apposita policy) ma per lavoro -se importante e da tenere assolutamente- non userei una mail che per quato... Leggi tutto
30-4-2012 10:51

dabruna
Quindi quali sono i formati che Google non converte ? Leggi tutto
30-4-2012 10:45

Leggi gli altri 2 commenti nel forum Goooooooooogle
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics