Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (4773 voti)
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Tutti gli Arretrati

La corretta scrittura e la comprensione dei dialoghi

Le tre i: inglese (5)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-05-2012]

Il secondo problema consiste nell'imparare a esprimersi in inglese per iscritto. Per ottenere questo risultato non c'è niente di meglio della posta elettronica e dei forum del web. Cercate un argomento che vi appassioni davvero e iscrivetevi a una o più mailing list o a uno o più forum.

Seguite le discussioni, fate domande e cercate di capire le risposte. Se conoscete già la lingua abbastanza bene, cercate di tenere un blog in inglese sull'argomento. Sforzatevi di scrivere articoli chiari e comprensibili. Leggete i commenti e sforzatevi di rispondere.

Il terzo problema consiste nel comprendere l'inglese parlato. A questo scopo vi consiglio di iniziare con i video di TED Talks. Si tratta di presentazioni in lingua inglese sui temi della tecnologia, dell'intrattenimento e del design, molto interessanti.

Sondaggio
Secondo te la riforma dell'articolo 18 proposta dal Governo...
Modernizzerà l'economia e creerà nuova occupazione. - 10.7%
Peggiorerà le condizioni di lavoro ed aumenterà la disoccupazione. - 65.3%
E' negativa ma necessaria, data la crisi economica nazionale e mondiale. - 6.8%
Non peggiorerà né migliorerà economia e lavoro in Italia. - 17.2%
  Voti totali: 3160
 
Leggi i commenti (42)

Ogni video è disponibile con i sottotitoli in varie lingue (tra cui l'inglese e l'italiano) ed è anche "navigabile" grazie ad un'apposita funzione (vedi il pulsante Interactive transcript nella pagine dei vari video). Quando sarete in grado di seguire uno o più di questi video senza i sottotitoli, passate ai DVD.

Provate a seguire uno o più film in lingua inglese con i sottotitoli (quasi tutti i DVD in commercio hanno anche la traccia audio in inglese ed i sottotitoli in inglese ed in italiano). Vi consiglio The Lord of the Rings per cominciare.

Quando cominciate a stancarvi di rivedere sempre lo stesso film, provate a comprare i "cofanetti" delle vostre serie televisive americane preferite. Io uso Medium, Taken, Lost e cose simili. Guardateli in "batch" di due o tre puntate alla volta e lasciate visibili i sottotitoli in inglese.

Per i primi tre o quattro anni di studio, state alla larga dal Late Show di David Letterman che viene trasmesso (in inglese, coi sottotitoli in italiano) da RAI5. Non riuscireste a capire quasi nulla e avreste l'impressione (sbagliata) di non essere portati per l'inglese. Evitate queste fonti di frustrazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)


cisco
Le certificazioni come il Cambridge (ma nell'articolo si è dimenticato lo IELTS) sono spesso indispensabili se si vuole emigrare e lavorare in America, Canada, Australia e tutti quei paesi dove si parla inglese. E coi tempi che corrono, penso proprio che convenga farlo comunque, sia per leggere e capire le notizie su internet (magari... Leggi tutto
22-5-2012 18:30


Zeus
Leggi bene la serie di articoli e vedrai che NON si parla solo di "leggere" l'inglese ;)
18-5-2012 15:47

Roberto1960
Giusto, per carità. Ma è un po' riduttivo usare l'inglese solamente per leggere. La verità è che è diventata la lingua ufficiale per comunicare in tutto il pianeta e quindi non puntare anche al parlato e allo scritto mi pare veramente una scelta molto miope. Leggi tutto
18-5-2012 14:29

dany88
un altro consiglio che posso dare per imparare l'inglese parlato, è guardare su link, ci sono madrelingua inglesi (americani, inglesi, etc...) che offrono lezioni da 30\40 minuti per 5$ l'una.
15-5-2012 12:46

catello
La soluzione migliore a livello programmi tv broadcast ce l'hai con SKY che permette la doppia lingua. Ad esempio se ti vedi Gordon Ramsay in cucine da incubo (UK e USA) riesci a comprendere bene e ad apprezzare il suo accento British (anche se è nativo della Scozia) e le sue parolacce :-) Altrimenti serie tv USA/UK con sottotitoli in... Leggi tutto
15-5-2012 11:43


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics