Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3063 voti)
Maggio 2015
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
La falla in iOS che rende inutilizzabili iPhone e iPad
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Tutti gli Arretrati

Il ministro Severino: è necessario regolamentare i blog

Per il guardasigilli i blog possono essere ''criminogeni'' e vanno regolamentati come i giornali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2012]

paola severino regolamentare blog

È peggio dell'influenza: a quanto pare non appena ci si siede su una poltrona da ministro si viene contagiati dalla mania di voler regolamentare i blog.

Dopo il non ancora chiaro ritorno della legge "ammazza-blog", il ministro della Giustizia Paola Severino ha avuto modo di ribadire la propria posizione sull'argomento al Festival Internazionale del Giornalismo, che si è tenuto nei giorni scorsi a Perugia.

«È necessario regolamentare i blog. Il cittadino ha il diritto di interloquire con un altro cittadino» - ha concesso il ministro - «ma lo deve fare anche lui seguendo le regole. Credo questo sia un dovere di tutti, anche di chi scrive sui blog».

Il problema è che, stando a quanto si capisce dalle parole pronunciate a Perugia - riportate insieme ad altri lanci d'agenzia sul sito del Ministero della Giustizia - secondo il ministro Severino non ci sarebbero leggi applicabili ai blog i quali, per loro natura, sarebbero inoltre molto più sfuggenti dei giornali.

«Il giornale ha una sua consistenza cartacea. Il giornalista è individuabile e l'editore anche ed è dunque possibile intervenire. Il blog ha invece una diffusione assolutamente non controllata e non controllabile. È in grado di provocare dei danni estremamente più diffusi. Ecco perché bisogna vederne anche la parte oscura. È un fenomeno certamente positivo per certi aspetti ma nel quale si possono annidare anche cose negative (può essere un punto criminogeno). Questo mondo va regolamentato».

Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (2132 voti)
Leggi i commenti (5)

Che fare, dunque? Introdurre l'obbligo di rettifica? Paola Severino lo esclude, ma non in linea di principio: soltanto perché sarebbe «molto difficile» applicarlo; non potendo intervenire direttamente, il ministro chiede allora che i blog si pongano autonomamente dei limiti.

«Autoregolamentatevi e autodisciplinatevi perché allora quello dei blog diventerà un mondo veramente utile per la crescita sociale del nostro e di altri Paesi».

Pare di capire, insomma, che il desiderio di regolamentare c'è ed è forte, ma non viene portato avanti soltanto per difficoltà pratiche, costringendo il ministro a ripiegare su un appello alla responsabilità dei blogger (dal quale, peraltro, si deduce come questi siano generalmente ritenuti degli irresponsabili, incapaci di limitarsi da sé).

È poi interessante notare come tutto ciò sia emerso dopo la presentazione dei dati relativi alla fiducia degli italiani verso l'informazione online, decisamente superiore a quella verso quella tradizionale (giornali e televisioni).

Il ministro Severino, sognando in sostanza di poter applicare il modello utilizzato per i giornali anche al web, sembra ignorare questa situazione: dato che già esistono e sono applicabili anche ai blog le norme sulla diffamazione, aggiungere nuovi legacci significherebbe soltanto ridurre l'informazione online allo stesso livello di quella tradizionale, che gode ormai di così poca fiducia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Blogger condannato: aveva pubblicato dati trovati su Google

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

{Claudio Merlo}
Regolamentare vuol dire togliere la libertà di dire quello che si vuole rispondendone di persona. Niente regole nel web, solo responsabilità.
23-10-2012 15:28


mda
Lo sai che lo penso anch'io..... :roll: :oops: Mi puzza tanto.... Anche perchè bisognerebbe liberalizzare la Stampa in Italia ancora legata alle leggi Mussoliniane... Mussolini non le fece per democrazia! Ciao Leggi tutto
8-5-2012 22:44


mda
Legge anche dal MIO! Allora è un vizio. :wink: :lol: Ciao Leggi tutto
8-5-2012 22:41


mda
Lo dico è lo ripeto! Questi non sono tecnici veri ma altri ministri berlusconiani spacciati per tecnici!!! Questa è un'altra comprova!!!!!!!!!!!!!!!! Al voto ORA Ciao
8-5-2012 22:39

{Mimmo}
Lasciamo maglie larghe alla Rete.... La Rete non si deve, non si può restringere.
8-5-2012 18:29


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics