Realizzato in laboratorio il supervirus dell'aviaria

Creato per prevenire una pandemia, è in grado di trasmettersi da uomo a uomo: si teme che le ricerche possano cadere in mani sbagliate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-05-2012]

aviaria h5n1 kawaoka

Ci sono voluti due mesi di consultazioni per valutare i pro e i contro ma alla fine le ricerche di Yoshihiro Kawaoka, virologo dell'Università del Winsconsin-Madison, sono state pubblicate su Nature.

Al centro del lavoro di Kawaoka ci sono due virus noti anche al grande pubblico per l'allarme che hanno suscitato negli anni scorsi: H5N1 - quello dell'influenza aviaria - e H1N1, responsabile della "suina" del 2009.

Lo scienziato ha studiato e modificato il virus H5N1 (utilizzando anche geni di H1N1) inducendo mutazioni per capire in che modo possa trasformarsi e diventare trasmissibile da uomo a uomo (oggi il virus è in grado soltanto di passare dagli animali all'uomo), anche solo con uno starnuto.

La spinta a condurre queste ricerche è stata data dalla constatazione dell'alto tasso di mortalità riscontrato tra le persone colpite dal virus originale, pari al 60% (in totale sono morte 355 persone): se diventasse in grado di trasmettersi tra le persone, la situazione sarebbe molto grave.

Kawaoka è giunto così alla creazione di un "supervirus" in grado di trasmettersi con uno starnuto - il fenomeno è stato testato su dei furetti - e che, secondo l'autore della ricerca, potrebbe diventare la chiave per capire in che modo il virus H5N1 muta naturalmente e studiare quindi una strategia di difesa qualora dovesse nascere una pericolosa pandemia.

Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, è un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta è successo.
Lo faccio abitualmente anche se è contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (3017 voti)
Leggi i commenti (18)

È stata proprio la creazione di questo virus a suscitare le perplessità di Nature: ci si è chiesti se fosse davvero il caso di pubblicare informazioni che, nelle mani sbagliate, potrebbero fornire la base per creare un'arma molto pericolosa.

Alla fine, tuttavia, considerato anche il clamore che si andava creando, Nature ha deciso per la pubblicazione integrale della ricerca, per consentire il processo di peer review e nella speranza che l'ipotesi di Kawaoka - ricavare informazioni per difendersi da varianti più pericolose del virus dell'aviaria - si riveli esatta.

Non tutti, d'altra parte, sono di questo avviso. È il caso per esempio della dottoressa Ilaria Capua, dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, la quale ha affermato: «Ho i miei dubbi che le mutazioni indotte nel virus per il salto di specie abbiano qualche utilità per lo sviluppo di eventuali vaccini o farmaci antivirali».

«Le mutazioni» - spiega ancora la dottoressa - «riguardano la proteina esterna che il virus usa per attaccarsi alle cellule e infettarle. È come se in un'automobile cambiassi la carrozzeria, senza modificare il motore».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

No, no Tom Cruise non interviene - anzi se ci prova lo fanno fuori - altrimenti come fanno a farci su un sacco di soldi come già hanno fatto con il vaccino della suina di 3 anni fa, poi rimasto quasi tutto inutilizzato nei magazzini e quindi scaduto.
6-5-2012 18:47

Ma certo che è geniale! :D Si prepara il supervirus. Si sviluppa l'immunizzatore, per chi dev'essere immunizzato, e lo si nasconde. Poi si fa arrivare il super virus nelle mani di un gruppo di pazzi fanatici dall'altra parte del globo. Scoppia l'allarme pandemia. Si chiude la frontiera e si mettono vari gruppi di scienziati sotto... Leggi tutto
5-5-2012 21:23

Geniale! Continuiamo a scavarci allegramente la fossa senza nemmeno porci un dubbio su cosa stiamo combinando e sul risultato finale di questi comportamenti. Veramente geniale!
5-5-2012 13:58

{ranx}
Abbiamo già visto i "buoni" risultati delle guerre preventive. In ogni caso, alla fine dell'anno mancano ancora alcuni mesi, facciamo ancora in tempo a creare Skynet ;) altrimenti un buco nero tramite il LHC del CERN :P
4-5-2012 15:07

La "soluzione finale" si avvicina! L'umanità è salva! :shock:
3-5-2012 18:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (457 voti)
Maggio 2016
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics