UE, no al copyright sulle funzionalità software

Reverse engineering e interoperabilità sono fondamentali per il progresso tecnologico. Le idee non sono protette dal diritto d'autore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-05-2012]

ue copyright software reverse engineering
Foto via Fotolia

La vicenda legale che vede contrapposte World Programming Limited e SAS, giunta davanti alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, avrà ricadute positive per la giurisprudenza sulla brevettabilità del software nel Vecchio Continente.

In Europa, a differenza di quanto avviene negli Stati Uniti, il software non è protetto da brevetto, ma soltanto dal copyright.

Così, quando SAS ha denunciato WPL, è intorno al copyright che s'è svolta la battaglia.

Motivo del contendere tra le due società è il software, realizzato da WPL, che fornisce funzionalità analoghe a quello prodotto da SAS ed è con quest'ultimo compatibile.

WPL l'ha sviluppato acquistando una licenza d'uso, il software di SAS e un manuale, e ne ha riprodotto le funzionalità, ma per realizzare il proprio programma non ha avuto accesso al codice originale.

Secondo SAS, ciò costituiva comunque una violazione del copyright. Secondo la Corte di Giustizia, invece, la violazione non esiste, poiché il diritto d'autore tutela il codice concreto quale forma assunta dall'idea che vi sta dietro, ma non l'idea stessa.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2462 voti)
Leggi i commenti (2)

In sostanza: se due software forniscono le medesime funzioni ma non hanno parti sostanziali di codice in comune (nessuno ha copiato codice da nessun altro, ma si è giunti a fornire le medesime soluzioni con processi di sviluppo separati), non si riscontra alcuna violazione del copyright.

«Chi acquista una licenza software ha il diritto di osservarlo, studiarlo e testarne le funzionalità al fine di determinare quali siano i principi di funzionamento di ogni elemento del programma» scrive la Corte nella sentenza relativa al caso.

newsletter

È questa una differenza fondamentale tra l'Europa e gli Stati Uniti: là, infatti, è l'idea stessa a poter essere coperta da brevetto, come le diverse cause intentate dai troll dei brevetti (patent troll) dimostrano.

Per la Corte di Giustizia, inoltre, «il detentore del diritto d'autore su un programma di computer non può prevenire, anche utilizzando gli accordi di licenza, un utente dal cercare di determinare le idee e e i principi alla base di tutti gli elementi del programma ottenuto in licenza», approvando di fatto il ricorso alla pratica nota come reverse engineering.

Il motivo è persino ovvio, ed esplicitato dalla Corte stessa: «La funzionalità di un programma informatico e il linguaggio di programmazione non possono essere protetti dalle norme sul copyright. Accettare che la funzionalità di un programma informatico possa essere protetta dalle norme sul copyright significherebbe rendere possibile la monopolizzazione delle idee, a detrimento del progresso tecnologico e dello sviluppo industriale».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Non è la prima volta ma adesso esiste una propaganda contro l'Europa per farci dei soldi facili. Distrutto l'ostacolo Europa sarebbe un giochetto facile imporci certe regolacce!! Ciao Leggi tutto
9-5-2012 00:18

{paolo del male}
leggere il codice sorgente di un programma e scriverne uno che svolga le medesime funzioni,non è mai stato un problema, ognuno è libero di farlo, come non farlo. hanno voluto acquistare del software non libero ? ora anche se l'Unione Europea ha dato loro ragione, intanto hanno perso soldi e tempo per qualcosa che comunque svolge le... Leggi tutto
3-5-2012 23:51

Non credo, prendi ad esempio Lansoprazolo e Pantoprazolo, ci sono diverse aziende che producono farmaci che li contengono, nonostante siano piuttosto recenti (per cui suppongo ancora coperti da brevetto). Per quanto riguarda la brevettabilità, per i farmaci non è l'idea che viene brevettata ma la composizione chimica. Quello che a mio... Leggi tutto
3-5-2012 18:22

In realtà, TuSoloTu, se non sbaglio i farmaci generici possono essere prodotti solo quando decade un brevetto sul farmaco "originale".
3-5-2012 17:38

beh sui farmaci forse non è proprio così lineare la cosa... nel senso che allo stato viene protetto il prodotto (l'hardware per dirla in informatichese) non l'idea....già ora si possono fare prodotti alternativi/sostitutivi che evidentemente non possono copiare l'esatta composizione chimica dell'originale Leggi tutto
3-5-2012 17:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (908 voti)
Maggio 2016
Ragioni per usare la modalità aereo quando non sei in aereo
Il ''Service Pack 2'' di Windows 7
TeslaCrypt, arriva la chiave di sblocco universale
Red Ronnie e la Sindrome delle Due Campane
CryptXXX torna a colpire e non c'è antidoto che tenga
Metroweb, Enel e Telecom: come ricomprare ciò che era tuo
CEO di BioViva si inietta virus e si allunga vita di 20 anni
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
L'asciugamani ad aria è un ricettacolo di virus
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Tutti gli Arretrati


web metrics