Vaio Serie T, gli ultrabook di Sony

Basati su CPU Intel Core i3, hanno schermi da 11 e 13 pollici e un'autonomia massima di 9 ore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2012]

vaio serie t ultrabook

Anche Sony ha deciso di entrare nell'arena degli Ultrabook lanciando i Vaio Serie T.

Caratterizzati da uno chassis in magnesio e alluminio, sono disponibili con schermi da 11,6 e 13,3 pollici.

Basati sul processore Intel Core i3, sono equipaggiati con un'unità SSD fino a un massimo di 512 Gbyte o con un disco rigido tradizionale fino a 500 Gbyte.

Punto di forza è la batteria, che promette di fornire un'autonomia per concludere senza problemi un'intera giornata di lavoro (il massimo è di 9 ore per i modelli dotati di SSD); inoltre, l'avvio è rapido grazie alle funzioni Rapid Wake + Eco.

I Vaio Serie T sono disponibili anche in configurazione ibrida, basata sulla tecnologia Intel Smart Response Technology, che abbina la memoria cache SSD con un'unità HDD.

Sondaggio
Che cos'è più rivoluzionario, tra questi... qualcosa-book?
Chromebook
Ebook
Facebook
Macbook
Netbook
Notebook
Playbook
Ultrabook

Mostra i risultati (1912 voti)
Leggi i commenti (2)

La dotazione di interfacce comprende HDMI, VGA, Ethernet e slot per schede SD/MMC

Gli Ultrabook di Sony sono protetti dalla tecnologia Anti-Theft Service di Intel fornita in prova gratuita per 90 giorni, che appoggiandosi sulle funzionalità hardware integrate nel Vaio consente di bloccare gli accessi non autorizzati ai dati personali.

I Vaio Serie T sono in vendita con prezzi che partono da 750 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (1658 voti)
Luglio 2016
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Aiuto, Windows 10 si installa a forza sul computer!
Tutti gli Arretrati


web metrics