Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3072 voti)
Luglio 2015
Google Maps ricorda tutti i posti dove sei stato
Mentos e Coca-Cola, lo spiegone scientifico
Windows 10, c'è già la data di morte
Aggiornamento d'emergenza per tutte le versioni di Windows
Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!
Sbloccare un programma che non risponde
A cosa serve realmente la rimozione sicura dei dispositivi?
WikiLeaks pubblica un milione di mail di Hacking Team
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
Tutti gli Arretrati

Roma è la seconda città al mondo per numero di zombie

Aumentano in Italia i computer infetti usati per inviare spam e portare attacchi informatici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-05-2012]

computer zombie symantec

Symantec ha presentato i risultati dell'Internet Security Threat Report, Volume 17, il report annuale che valuta le minacce presenti in Internet.

Globalmente, il 2011 è stato un anno piuttosto attivo sul fronte della sicurezza: Symantec calcola che ogni giorno siano stati inviati, in media, 42 miliardi di messaggi di spam, e che 1,1 milioni di identità siano state esposte per ogni singola violazione di dati, per un totale di 187 milioni di identità esposte.

Inoltre, l'anno scorso sono state scoperte 4.989 vulnerabilità, e le minacce per i dispositivi mobili sono cresciute del 93%; una particolare attenzione ormai è rivolta dai malintenzionati verso i dispositivi che montano il sistema operativo Android.

Per quanto riguarda i pericoli che si corrono navigando in Internet, l'azienda rileva che i siti religiosi/ideologici superano i siti pornografici per numero di minacce medie presenti per sito infetto, con un rapporto di 115 a 25.

Il motivo è comprensibile: sta infatti aumentando la consapevolezza dell'effetto negativo delle infezioni sul numero di visitatori dei siti; dato che i siti per adulti sono fonte di business, i loro gestori hanno imparato che, se infettano i computer dei propri clienti, questi non torneranno a visitarli, e quindi lavorano duramente per tenere sempre alta la guardia.

Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, è un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta è successo.
Lo faccio abitualmente anche se è contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (2927 voti)
Leggi i commenti (18)

Restringendo lo sguardo all'Italia, si apprende che il nostro Paese è scesa al nono posto (al quarto in quella EMEA) nella classifica mondiale che misura la quantità di attività malevole, mentre nel 2010 si trovava all'ottavo.

Aumenta, tuttavia, il numero di computer infetti: l'Italia è al primo posto nella classifica dei Paesi dell'area EMEA, mentre a livello mondiale è al quarto posto; ed è Roma - si legge nel rapporto - la seconda città al mondo per il numero di bot e computer zombie presenti (nel 2010 era quarta).

Tutto ciò ha una conseguenza abbastanza ovvia: una parte rilevante dello spam dell'area EMEA proviene dall'Italia. In percentuale il numero è contenuto - siamo al 4% - e il nostro Paese si trova all'ottavo posto nella classifica degli Stati produttori di spam, dopo Russia, Pakistan, Ucraina, Bielorussia, Kazakistan, Romania e Iran.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Symantec, Italia nel G7 dei Paesi più infettati da malware

Commenti all'articolo (5)

mi sembra normale, visto che l'Italia è agli ultimi posti delle classifiche dell'alfabetizzazione informatica... se a questo aggiungiamo che le varie campagne pubblicitarie fanno letteralmente piovere sulla italiche testacce caterve di smartphone e tablet...
8-5-2012 16:03

Roma! Hanno lì il Vaticano, ma non hanno neanche un chierico con il potere di dissolvere gli zombi (alla D&D). E c'è ancora gente che li prende sul serio. :lol: :lol: :lol:
8-5-2012 15:16

bhè il viagra rientra nello spam farmaceutico, quindi tutto nella norma :D
8-5-2012 13:29

Ho dato un'occhiata al report: troppo "massiccio" non sono riuscito a trovare qual è la città che precede Roma come numero di PC zombie. Secondo me è un'altra capitale in quanto un così elevato numero di infetti dipende dalla quota di pc in carico alla Pubblica Ammnistrazione che notoriamente spende poco in sicurezza. Sono... Leggi tutto
8-5-2012 10:56

Noi riflettiamo parte della nostra personalità sui nostri dispositivi mobile e personal computer. D'altronde improvvisare è una cosa sbagliata. Ogni persona dovrebbe trovare il tempo di informarsi su come proteggersi. Ma nonostante tutto il mondo è bello anche perché è vario.
8-5-2012 09:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics