Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (325 voti)
Luglio 2015
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Otto applicazioni vulnerabili agli hacker
Tutti gli Arretrati

L'indirizzo IP non identifica una persona

Dietro a un numero può nascondersi un'infinità di utenti: l'indirizzo IP non è una prova sufficiente a individuare i pirati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-05-2012]

IP Address pirateria

Cambiano i Paesi e i sistemi legali, ma le tattiche adottate dalle associazioni dei produttori di contenuti per perseguire i presunti pirati sono sempre le stesse.

Quale prova del fatto che si sta cercando di assicurare alla giustizia un pirata e non perseguitando un innocente, le major generalmente forniscono un indirizzo IP (dal quale sarebbe avvenuta la violazione) e un timestamp, ossia l'indicazione dell'ora e della data.

In base a queste informazioni, il giudice dovrebbe garantire il mandato per ottenere dall'ISP titolare dell'indirizzo IP le informazioni per risalire al titolare dell'abbonamento.

Attenzione: al titolare dell'abbonamento, non a chi ha compiuto la violazione. Il problema, infatti, è tutto qui come il giudice americano Gary Brown non ha mancato di rilevare respingendo le cause intentate da una casa cinematografica.

Secondo il giudice Brown, semplicemente un indirizzo IP non può indicare una persona.

«L'assunzione in base alla quale una persona che paga per l'accesso a Internet in un determinato luogo è lo stesso individuo accusato di aver scaricato un singolo film sessualmente esplicito è debole, e lo è diventata sempre di più con il passare del tempo» ha spiegato il giudice, riferendosi al caso che aveva in esame.

Un indirizzo IP può infatti far riferimento a un numero imprecisato di computer, che a loro volta possono essere utilizzati da diverse persone.

Inoltre, la diffusione delle reti wireless rende ancora più difficile, se non impossibile, passare dall'indirizzo a una singola persona.

«Se una decina di anni fa le reti senza fili domestiche quasi non esistevano, ora il 61% delle case americane ha una connessione wireless. Come risultato, un singolo indirizzo IP generalmente è utilizzato da diversi dispositivi che, diversamente dai telefoni tradizionali, possono essere utilizzati simultaneamente da diversi individui» ha aggiunto il giudice Brown.

Nel caso di reti Wi-Fi non protette, poi, chiunque, anche un passante, potrebbe utilizzare la connessione per scaricare film o altro materiale illegalmente; e anche nel caso di reti protette non è impossibile aggirare le misure di sicurezza.

Pertanto, il giudice Brown conclude che l'indirizzo IP non può essere utilizzato per identificare una persona, né tantomeno per dare il via a una causa per violazione di copyright.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5794 voti)
Leggi i commenti (10)

A questa decisione fa eco quella di un giudice californiano, il quale ha stabilito che un indirizzo IP non è sufficiente nemmeno per identificare al di là di ogni ragionevole dubbio un determinato luogo.

In questo modo ha fatto cadere 15 cause intentate contro utenti di BitTorrent. L'accusa - come di recente accade sempre più spesso - aveva utilizzato un servizio di geolocalizzazione per abbinare gli indirizzi IP a dei luoghi fisici, così da assicurarsi che il procedimento venisse portato avanti all'interno della giurisdizione della corte cui si era rivolta.

Tuttavia, tali servizi per loro stessa ammissione non sono affidabili al 100% e, se c'è anche una minima possibilità di errore, il giudice chiamato a decidere ha stabilito che non si possa essere certi di rientrare nella giurisdizione corretta.

Queste due sentenze, insieme, possono far crollare l'intero castello di cause che da due anni a questa parte i detentori del copyright stanno intentando negli USA contro gli utenti dei sistemi di condivisione dei file.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Pirateria, il solo IP non basta a identificare una persona

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 70)

Però sta cosa inizia ad essere inquietante, scusate. Che poi, magari sbaglierò, ma leggevo online di vari rei convocati dalla polpost per insulti nelle chats, falsi profili Facebook, liti virtuali ecc... Ecco, quasi sempre i convocati confessavano per paura ma, invece, ove negavano la paternità di certi atti, le pratiche venivano sempre... Leggi tutto
28-10-2012 18:48

@granchio: questo è quello che succede quando gente che sa neppure di cosa si parli ha il potere di decidere ciò che è giusto oppure no. Ridicolo...
28-10-2012 18:18

Non concordo tanto con tale visione. Leggetevi quest'articolo tratto da "La Stampa" di Torino. Leggi tutto
28-10-2012 16:57

Che ho scritto di male quel dì 18 maggio?!?! :evil: Che sono rimasto tagliato fuori da internet fino ad ora? 6 pagine avete scritto in questo solo thread senza di me! Brutti imbrattaweb che non siete altro! :P Mi devo dare da fare per rimediare. :twisted: L'unica cosa che ho capito dalla lunga lettura è che c'è un certo Corradi... Leggi tutto
16-6-2012 02:45

Esattamente, ma guarda ce è già così. L'anomalia dovrebbe essere attaccarsi ad una rete libera e da qui la mia forzatura di un paio di post fa nel chiedere agli amici dove abitassero per utilizzare la loro rete domestica SICURAMENTE APERTA. Il problema non consiste tanto nell'assumersi la responsabilità delle navigazioni di terzi (come... Leggi tutto
1-6-2012 07:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics