Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (957 voti)
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Tutti gli Arretrati

MegaUpload, utente chiede al tribunale i suoi file

Stanco di aspettare, un giornalista pretende ora di riavere l'accesso al materiale conservato nel cyberlocker.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2012]

megaupload dati restituzione

Prima o poi doveva succedere: qualche utente di Megaupload si è stancato di aspettare e adesso, a qualche mese dal raid che ha provocato la chiusura del cyberlocker, pretendere di riavere indietro i propri dati.

I dati in sé sono ancora presenti sui server degli hosting provider, ma l'accesso è vietato nonostante da subito la EFF, d'accordo con l'hosting Carpathia, abbia cercato di trovare una soluzione per restituire i file innocenti ai legittimi proprietari.

Dato che tutto ciò non ha portato a nulla Kyle Goodwin, giornalista sportivo che utilizzava Megaupload per conservare materiale relativo al proprio lavoro, ha deciso di adire le vie legali, appoggiandosi proprio alla EFF.

Goodwin sostiene che il sequestro dei dati viola i diritti costituzionali di molti utenti innocenti: «In base al quarto e al quinto emendamento, il governo era obbligato a condurre i sequestri in maniera tale da proteggere il diritto di accesso delle terze parti» si legge nell'atto stilato dalla EFF.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5760 voti)
Leggi i commenti (10)

La EFF chiede quindi al tribunale di indicare un soggetto indipendente cui affidare la ricerca di un modo per permettere agli utenti di rientrare in possesso dei propri dati, indicando inoltre i modi in cui si dovrà procedere in futuro in casi analoghi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (4)


Zievatron
Allora speriamo che parta bene ed arrivi meglio. :twisted:
22-6-2012 22:47


Gladiator
E se parte una Class Action - che negli USA è molto più seria che nel belpaese - i cavoli saranno amarissimi, penso ci sia più di una corte disponibile ad accettare un'istanza di questo tipo.
29-5-2012 19:31


mda
Adesso saranno cavoli amari se iniziano tutti con il chiedere risarcimenti!!! Notate che è stato più volte accettato presso le corti come validissimo!!! :lol: Ciao Leggi tutto
29-5-2012 05:12

Mentedigitale
E ci mancherebbe altro. A prescindere da chi abbia torto, se il servizio di file sharing/streaming o le major l'utente ha pagato per un servizio che è stato disattivato creandogli in qualunque caso dei danni. IMHO deve essere pure risarcito per tutto questo sbattimento, che ricordo non è stato causato da una sua negligenza, bensì da una... Leggi tutto
29-5-2012 04:31


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics