E-commerce italiano, contratti online non sempre validi

Per il Tribunale di Catanzaro sono inefficaci gran parte delle clausole sul web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2012]

Una innovativa sentenza in materia di e-commerce, recentemente emessa dal Tribunale di Catanzaro (sent. n. 68/2011 del 18.04.2012), ha stabilito l'inefficacia di gran parte delle clausole contrattuali accettate in Internet attraverso il click sul "pulsante negoziale virtuale" (quello, tanto per intenderci, a forma di carrello della spesa).

In particolare, il giudice ha precisato che sarebbero inopponibili all'utente tutte le cosiddette clausole vessatorie, ossia quelle clausole che comportano una particolare sproporzione in danno di chi sottoscrive il contratto e che, invece, si risolverebbero in un vantaggio nei confronti di chi lo ha predisposto.

Il codice civile (all'articolo 1341) le individua, in modo generale: sono le condizioni che stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte, limitazioni di responsabilità, facoltà di recedere dal contratto o di sospenderne l'esecuzione, ovvero sanciscono a carico dell'altro contraente decadenze, limitazioni alla facoltà di opporre eccezioni, restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi, tacita proroga o rinnovazione del contratto, clausole compromissorie o deroghe alla competenza dell'autorità giudiziaria.

La legge poi precisa che tali clausole devono essere sottoscritte per iscritto e in modo specifico. Si tratta di quella famosa seconda firma che viene messa in fondo ad ogni contratto, prima dell'informativa sulla privacy, e che normalmente comincia con la dicitura "Ai sensi e per gli effetti degli artt. 1341 seguenti c.c., le parti approvano specificatamente i seguenti articoli" eccetera.

Ebbene, il tribunale calabrese ha appena precisato che, sebbene i contratti conclusi su Internet attraverso un click del mouse siano validi, non così è anche per le clausole vessatorie in essi contenute.

Affinché dette condizioni, infatti, siano efficaci è necessaria la forma scritta del consenso. Dunque il click del mouse è insufficiente a sostituire la seconda firma della parte contrattuale.

Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (4795 voti)
Leggi i commenti (93)

La conseguenza è che tali clausole risultano ad oggi tutte inefficaci (si pensi ai rinnovi automatici del contratto, alle riserve di foro, alle limitazioni di garanzia o di responsabilità per il venditore). Un notevole impatto pratico!

Un escamotage per superare l'impasse potrebbe essere quello di far scaricare e stampare, all'acquirente, un form caricato online, chiedergli di firmarlo e poi di inviarlo (anche anticipato a mezzo fax) al venditore.

Ecco perché, nella predisposizione di un contratto per il web, è sempre necessario farsi assistere dal proprio consulente legale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Angelo Greco

Approfondimenti
Chiuso Silk Road, l'Amazon della droga

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Che io sappia è come dice zorro. Firmare un pdf e mandarlo per mail non ha valore alcuno. Al più puoi mandare via mail la scansione di un documento cartaceo firmato (perchè di fatto è come spedirlo via fax). Poi capita che lo si faccia lo stesso soprattutto se ci sono accordi pregressi a riguardo ma non so fino a che punto siano validi.
5-6-2012 02:06

up? qualcuno conferma? :D
4-6-2012 20:18

si, ma quello che si fa via fax, si può fare via mail, truffe incluse. Ma un contratto tra pari (senza clause vessatorie) via mail, con firma autografa fatta in digitale (mouse, iPad, smarphone, etc...) non è valido, è esatto?
30-5-2012 11:54

@dani88 la validità dei contratti scambiati via fax si basa su questo principio: esistono i contratti "cartacei" e ognuno dei contraenti conserva la sua copia da lui stesso firmata, per darsi reciproca conferma che le due copie hanno lo stesso contenuto e sono state sottoscritte ci si scambia la copia via fax. C'è poi da... Leggi tutto
30-5-2012 11:11

eh si, googlando un po' sembra che la firma autografa effettuata con strumenti digitali non sia valida... Mentre sembra che se si firma e si invia via fax sia legale...mah...strano però!
29-5-2012 19:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (899 voti)
Febbraio 2016
Aiuto, un virus ha preso in ostaggio i miei dati e vuole soldi per ridarmeli
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Dicembre 2015
I migliori prodotti hi-tech del 2015
Tutti gli Arretrati


web metrics