Il grafene delle Olimpiadi

Si chiama olimpicene e la sua molecola costituisce il più piccolo logo olimpico del mondo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2012]

olimpicene

Ufficialmente si chiama benzo[cd]pyrene ma è stato subito ribattezzato Olympicene, per via della forma che la sua molecola presenta.

Sintetizzata da ricercatori dell'Università di Warwick (nel Regno Unito) e dell'IBM Research di Zurigo, la molecola è infatti costituita da cinque anelli di atomi di carbonio, disposti in maniera tale da ricordare il simbolo dei giochi olimpici.

La sua creazione è in parte una sfida, nata alla Royal Society of Chemistry per trovare un modo con cui celebrare l'Olimpiade del 2012: «Una struttura molecolare con tre anelli esagonali posti sopra altri due sarebbe stata una sfida interessante» - spiega il professor Graham Richards della RSC - «Mi sono chiesto: qualcuno riuscirà a realizzarla davvero, e a produrre un'immagine della molecola?».

Il dottor David Fox, dell'Università di Warwick, spiega però anche dove stia l'utilità dell'olimpicene: «il composto è collegato alla grafite a singolo strato, conosciuta anche come grafene, ed è unop dei composti che potenzialmente hanno proprietà ottiche ed elettroniche interessanti. Per esempio, questi tipi di molecole possono offrire grandi potenziali per la prossima generazione di celle solari e sorgente di luce ad alta tecnologia, come i LED».

Per avere un'immagine dell'olimpicene, gli scienziati si sono rivolti innanzitutto a una tecnica chiamata microscopia a effetto tunnel, ma è grazie all'aiuto di IBM che si è raggiunto il vero risultato.

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (3256 voti)
Leggi i commenti (6)

La tecnica adoperata si chiama microscopia a forza atomica, riuscendo così a visualizzare una singola molecola di olimpicene, che è larga appena 1,2 nanometri (ossia circa 100.000 volte più sottile di un capello umano).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il vetro più sottile del mondo è spesso solo due atomi

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1442 voti)
Maggio 2017
Usare il Wi-Fi per vedere attraverso i muri
Più di 2.000 dollari per un Bitcoin
Ubuntu, Fedora e OpenSUSE ora girano dentro Windows
Wannacry una settimana dopo: il punto della situazione
1250 modelli di telecamere di sicurezza vulnerabili da remoto
Come rubare le credenziali di Windows usando Chrome
Ma è credibile tutto questo?
Cosa posso fare per difendermi?
Il keylogger nascosto nei portatili di HP
Mozilla scarica Thunderbird
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Google svela l'interfaccia di Fuchsia, il successore di Android
Tablet, sempre meno vendite: faranno la fine dei netbook?
Il viaggio nel tempo è matematicamente possibile
Arriva Windows 10 S, il sistema operativo per studenti
Tutti gli Arretrati


web metrics