RIM taglia 2.000 posti di lavoro

I licenziamenti interesseranno anche i dirigenti. L'obiettivo è risparmiare 1 miliardo di dollari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2012]

rim licenzia 2000

Mentre gli sforzi si concentrano sulla realizzazione di BlackBerry 10, RIM deve vedersela con una situazione tutt'altro che rosea.

L'innegabile ridimensionamento delle quote di mercato porterà ben presto l'azienda a dover apportare tagli drastici al proprio personale: così afferma una fonte anonima, riportata dal quotidiano canadese The Globe and Mail.

Sarebbero 2.000 i dipendenti su cui si abbatterà - forse già a partire dal prossimo primo giugno - la scure del CEO Thorsten Heins, circa l'11% della totale forza lavoro di RIM, ma pare che tale cifra possa lievitare sino a interessare 6.000 persone.

I tagli dovrebbero avvenire in tutti i settori e in tutte le sedi, senza risparmiare i ruoli dirigenziali: Heins sarebbe intenzionato a eliminare tutti i dirigenti «improduttivi».

Parte del lavoro gli sarà tuttavia risparmiato: alcuni dei dirigenti di più alto livello hanno già, in tempi recenti, abbandonato l'azienda di propria volontà; gli ultimi sono il responsabile delle vendite Patrick Spence e la Chief Legal Officer Karima Bawa.

Sondaggio
In quale modo la Rete ti assiste di più per risparmiare?
Trovare gli stessi prodotti disponibili offline, ma a un prezzo inferiore
Accedere a beni introvabili nei negozi solitamente frequentati
Acquistare prodotti altrimenti inaccessibili senza sconti e promozioni online

Mostra i risultati (1538 voti)
Leggi i commenti (5)

I tagli andrebbero inquadrati nel tentativo di risparmiare un miliardo di dollari in quest'anno fiscale, operazione annunciata dal CEO insieme agli ultimi risultati finanziari.

«La questione strategica» - ha commentato la fonte citata da The Globe and Mail - «è questa: state accelerando verso un futuro migliore, o restringendovi verso un'operazione di nicchia?».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Certo che un taglio che va dall'11 al 33 % della forza lavoro - se 2000 è l'11 %, 6000 è il 33 % - non è cosa da poco, la situazione mi sembra assai poco allegra per RIM anche perchè se si dice da 2000 a 6000 la cifra più probabile in questi ultimi tempi è 6000...
30-5-2012 19:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (905 voti)
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
La foto del ladro con lo scanner per carte di credito senza contatto
Tutti gli Arretrati


web metrics