Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro č un computer offline.

Mostra i risultati (4030 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

Guardia di Finanza, il colonnello Rapetto costretto a lasciare

Il comandante del Nucleo Frodi Telematiche si è dimesso dopo un trasferimento improvviso e sospetto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-06-2012]

dimissioni rapetto

Per molti anni, il nome del colonnello Umberto Rapetto è stato sinonimo della lotta all'illegalità informatica, dalle truffe alle violazioni dei sistemi.

È stato lui a fondare il Gruppo Anticrimine Tecnologico, poi Nucleo Speciale Frodi Telematiche, della Guardia di Finanza, che ha guidato in qualità di comandante.

Un paio di giorni fa, su Twitter, Rapetto stesso ha dato l'annuncio: «Chiedo scusa a tutti quelli che mi hanno dato fiducia, ma qualche minuto fa sono stato costretto a dare le dimissioni dalla GdF».

Si è così saputo che poco prima il colonnello era stato rimosso dal suo incarico senza consultazioni e senza aver potuto sottoporre il proprio punto di vista al Comando Generale - pur avendone fatto richiesta - e per questo ha presentato le proprie dimissioni.

L'improvvisa rimozione, con annessa destinazione alla frequenza di un corso di formazione, è apparsa un po' sospetta, tanto da innescare ben nove interrogazioni parlamentari in proposito.

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (2186 voti)
Leggi i commenti (12)

Alcuni membri del Parlamento sospettano infatti che sia stato proprio l'attività di Rapetto - soprattutto quella che ha portato alla condanna di personalità dei Monopoli di Stato in seguito allo scandalo sulle slot machine non collegate all'Anagrafe Tributaria - a consigliare a qualcuno di spostare lo scomodo personaggio.

Se il colonnello non ha raccontato i dettagli, il viceministro per l'economia Vittorio Grilli ha risposto affermando che il trasferimento è dovuto a «na necessaria disposizione che si è dovuta assumere nei riguardi di un ufficiale» che «aveva maturato oltre 10 anni di permanenza nello stesso incarico», un periodo definito «eccezionale e singolare».

Inoltre, Rapetto «ha prestato servizio in soli tre sedi: Portoferraio, Trieste e Roma a fronte di una media di 7 sedi per gli altri ufficiali con la sua stessa anzianità»; il trasferimento sarebbe quindi stato un atto dovuto.

La vicenda appare un po' misteriosa poiché sembra, per esempio, che la procura di Grosseto abbia chiesto di non effettuare la rimozione, in quanto Rapetto stava indagando sul naufragio della Costa Concordia; la richiesta è stata tuttavia ignorata, così come sarebbe stata ignorata la proposta di promozione (per i meriti accumulati grazie alle indagini) da parte del Procuratore della Corte dei conti del Lazio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
ItalianShare, sei milioni e mezzo di multa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

BimBumBam
- lasciando da parte la pretestuositą o meno nel caso specifico, l'avvicendamento di sede ed anche funzioni per gli alti gradi a me pare "prassi normale": si vuole evitare che si creino collussioni con l'ambiente che riducano l'efficacia dell'attivitą, č normale che i funzionari vengano spostati. Ovviamente nel caso specifico... Leggi tutto
9-7-2012 22:51

{osfor}
Il problema se lo sono posto.. gli altri.. ma "i trentenni" non vogliono risolverlo.. (però il PD l'avrebbe in Statuto, ma pare che non lo applicano...), d'altra parte cosa volete, che se lo taglino da soli? Dobbiamo tagliarglielo noi.. D'altra parte ricordo domanda della Gruber a D'Alema, a 8 e... Leggi tutto
9-6-2012 22:39


Gladiator
E non certo per meriti imprescindibili e specchiata onestą e limpidezza nella gestione della cosa pubblica. :twisted:
9-6-2012 10:26

{Mimmo}
Ci sono politici sulle stesse poltrone da 30anni...e nessuno si è posto il problema...che strano...
8-6-2012 14:36

{osfor}
@Gummy Bear devo dire che ho capito poco poco... lasciamo perdere e chiarisco meglio, per tutti: non ho voluto dire che "secondo me" è "normale" fare così, volevo dire - se mi fossi spiegato male - che in questi ambiti è "di prassi" che dopo un po' di tempo si viene trasferiti:... Leggi tutto
7-6-2012 09:39

Leggi gli altri 8 commenti nel forum Sicurezza
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics