Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (985 voti)
Aprile 2015
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
Tutti gli Arretrati

Phoenix e la rinascita di WebOS dalle proprie ceneri

Un gruppo di appassionati è al lavoro per portare lo sfortunato sistema sui dispositivi attuali, e magari produrne di nuovi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-06-2012]

webOS phoenix

Una seconda giovinezza potrebbe attendere webOS, il sistema operativo creato da Palm e che HP sta rendendo open source.

La salvezza per lo sfortunato sistema si chiama Phoenix Devices, un progetto che già nel nome - Fenice - richiama l'intento di far rinascere webOS dalle ceneri.

Dietro a Phoenix c'è un gruppo di sviluppatori volontari che non si rassegnano a veder cadere nell'oblio il sistema da loro tanto apprezzato, e intendono innanzitutto portarlo sui dispositivi attuali - su quelli prodotti da HP e non soltanto su quelli - aggiungendo nuove caratteristiche e sistemando i bug. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il genere di applicazioni che utilizzi di più sul tuo smartphone (o sul tuo tablet)?
Calendari
Giochi
Grafica
Informazioni
Internet (accesso, condivisione, ecc.)
Messaggistica
Social network
Utilità (viaggi, cucina, ecc.)

Mostra i risultati (1456 voti)
Leggi i commenti (8)
L'obiettivo finale è però decisamente ambizioso: riuscire a produrre nuovi dispositivi basati su webOS e a portarli sul mercato.

Il progetto, in ogni caso, è per ora soltanto all'inizio ed è in cerca di collaboratori ed entusiasti pronti a dare una mano, facendo riferimento al sito ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
WebOS rivive con LuneOS
Da LG una smart Tv con webOS

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics