Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2595 voti)
Dicembre 2014
Telefonini e promozioni natalizie: quale operatore offre di più
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Honor T1, il tablet economico di Huawei
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Treviso, ragazzini condividono filmato hard con Whatsapp
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione
Il macchinario che trasforma l'acqua in petrolio
Serve davvero proteggere smartphone e tablet Android con un antivirus?
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''
Mandare in crash WhatsApp con un singolo messaggio di testo
Lo shopping online? Adesso si fa col Bancomat
Novembre 2014
TIM e Vodafone, LTE fino a 225 Mbit/s
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati

Phoenix e la rinascita di WebOS dalle proprie ceneri

Un gruppo di appassionati è al lavoro per portare lo sfortunato sistema sui dispositivi attuali, e magari produrne di nuovi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-06-2012]

webOS phoenix

Una seconda giovinezza potrebbe attendere webOS, il sistema operativo creato da Palm e che HP sta rendendo open source.

La salvezza per lo sfortunato sistema si chiama Phoenix Devices, un progetto che già nel nome - Fenice - richiama l'intento di far rinascere webOS dalle ceneri.

Dietro a Phoenix c'è un gruppo di sviluppatori volontari che non si rassegnano a veder cadere nell'oblio il sistema da loro tanto apprezzato, e intendono innanzitutto portarlo sui dispositivi attuali - su quelli prodotti da HP e non soltanto su quelli - aggiungendo nuove caratteristiche e sistemando i bug. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il genere di applicazioni che utilizzi di più sul tuo smartphone (o sul tuo tablet)?
Calendari
Giochi
Grafica
Informazioni
Internet (accesso, condivisione, ecc.)
Messaggistica
Social network
Utilità (viaggi, cucina, ecc.)

Mostra i risultati (1436 voti)
Leggi i commenti (8)
L'obiettivo finale è però decisamente ambizioso: riuscire a produrre nuovi dispositivi basati su webOS e a portarli sul mercato.

Il progetto, in ogni caso, è per ora soltanto all'inizio ed è in cerca di collaboratori ed entusiasti pronti a dare una mano, facendo riferimento al sito ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
WebOS rivive con LuneOS
Da LG una smart Tv con webOS

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics