Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (834 voti)
Aprile 2015
La falla in iOS che rende inutilizzabili iPhone e iPad
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Tutti gli Arretrati

Ricordiamoci dell'Infanzia, appello a Monti per i bambini a rischio povertà

Save The Children lancia una campagna online per chiedere al Governo misure immediate a sostegno dell'infanzia e delle famiglie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2012]

(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Quando si parla di "aiuto ai bambini che vivono in povertà" si tende a pensare a realtà lontane, localizzate in quelli genericamente definiti come "Paesi poveri" o, al più, "emergenti".

In realtà, come ricorda l'associazione Save The Children, l'emergenza è più vicina di quanto si pensi: in Italia quasi 1 bambino su 4 vive infatti in condizioni definite "di povertà relativa".

Il fatto che di tale realtà generalmente non si parli è il cuore della campagna Ricordiamoci dell'Infanzia lanciata proprio da Save The Children; l'iniziativa tuttavia non si limita a essere un grido d'allarme ma pretende risposte concrete e impegni misurabili.

I dati presenti nel rapporto Il Paese di Pollicino, d'altra parte, parlano chiaro: rispetto al 2006 il numero dei bambini a rischio povertà (che cioè vivono in famiglie con un reddito troppo basso per garantire loro un sano e completo sviluppo fisico, psichico, intellettuale e sociale) in Italia è salito del 3,3%, arrivando al 22,6%; tale percentuale arriva addirittura al 28,5% nel caso di figli di madri sole e se il capofamiglia ha meno di 35 anni.

Una situazione del genere, che registra le situazioni peggiori al Sud e nelle Isole (dove i bambini a rischio povertà sono rispettivamente il 40% e il 44,7%) richiederebbe seri interventi a favore delle famiglie e dell'infanzia, ma nel nostro Paese in questo senso si investe solo l'1,3% del PIL (la media europea è del 2,2%). L'articolo continua dopo il video.

Ecco che si spiega dunque il senso di Ricordiamoci dell'Infanzia: ricordare a chi ha il potere di intervenire «le speranze, i sogni, la sensibilità che aveva da bambino» come spiega Valerio Neri, direttore generale di Save The Children Italia.

Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novitÓ
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novitÓ dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novitÓ da Twitter
Seguo le novitÓ da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (5315 voti)
Leggi i commenti (12)

Aderendo all'appello si sostengono i quattro pilastri che costituiscono le proposte dell'associazione: programmare interventi per il sostegno alle famiglie in condizioni di povertà estrema; creare servizi per il sostegno alla genitorialità (in particolare con un piano d'investimenti straordinario per gli asili nido); introdurre misure di sostegno al lavoro femminile e favorire la riconciliazione tra lavoro e famiglia (per esempio creando un fondo di garanzia per le mamme imprenditrici); valutare l'impatto sull'infanzia di ogni nuovo provvedimento legislativo.

In aggiunta all'appello online, lo scorso 25 maggio Save The Children ha organizzato a Roma, in piazza san Silvestro, un evento per rivolgersi direttamente al governo e al quale hanno partecipato circa 1.000 persone, tra cui le personalità della cultura e dello spettacolo che hanno aderito alla campagna.

Qui sotto, le foto dell'evento del 25 maggio.

01 Piazza S.Silvestro
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
02 StC 61
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
03 StC 64
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
04 Persone in fila per attaccare la foto
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
Cecilia Guerra Sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
Valerio Neri Dir generale Save the Children
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
On. Walter Veltroni
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)
Irene Ferri 2
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)


Brio
Manifesto dell'iniziativa bellissimo e geniale, e ottimo, forse sarebbe davvero il caso che cominci a mettersi nei panni degli altri, a partire dai bambini. Anche se penso che Monti dalla vita abbia avuto tutto e ricordarglielo sortisca meno effetti che diqelli che si sperano.
4-6-2012 20:47

{Andy}
Viene chiesto a Monti di "ricordarsi" dell'infanzia. Posso immaginare la sua risposta. "Certamente, come no! Ci mancherebbe altro! Da che banca sono rappresentati? Di che banca sono azionisti? Comunicatemi solo questi dati ed io parlerò con qualcuno in alto loco!"
4-6-2012 16:51


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics