DepositFiles, accordo multimilionario

Accusato di violare il copyright da un editore di materiale per adulti, il cyberlocker ha preferito pagare anziché arrivare sino al processo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2012]

depositfiles accordo perfect 10

Se c'è qualcuno che non può lamentarsi della caduta di Megaupload, quello è DepositFiles: dalla scomparsa del rivale il cyberlocker ha infatti visto crescere il numero dei propri visitatori e utenti.

Tutto ciò non è passato inosservato né alla MPAA - la quale ha provveduto a inserire DepositFiles nell'elenco dei siti più pericolosi - né a Perfect 10 (nota bene: nsfw), editore specializzato in materiale per adulti famoso per le numerose cause intentate contro i maggiori nomi del web.

Dopo aver portato in tribunale Google, Microsoft, Megaupload, Mastercard, Amazon, Visa, Rapidshare, Yandex e, più di recente, anche la piattaforma di microblogging Tumblr, Perfect 10 si è rivolta verso DepositFiles.

Agli occhi dell'editore, il cyberlocker è «un sito pirata che vende l'accesso a enormi quantità di proprietà intellettuale non autorizzata senza pagare il dovuto ai legittimi titolari» e, per questo, richiede il pagamento di danni per diversi milioni di dollari.

Prima però di arrivare al tribunale, c'è stata la svolta: le due parti sono arrivate a un accordo, i cui dettagli sono tuttora segreti ma che con ogni probabilità prevede il pagamento di una somma sostanziosa per la cessazione delle ostilità.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Al momento Perfect 10 e DepositFiles stanno discutendo i dettagli e tutto dovrebbe concludersi entro il prossimo 16 luglio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

contento deposit files, contenti tutti, ma non mi sembra la strategia vincente, ora ci sarà la fila per le denunce.
15-6-2012 10:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1582 voti)
Aprile 2017
Il motore di ricerca BitTorrent personale e inaffondabile
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Tutti gli Arretrati


web metrics